Italia markets close in 6 hours 8 minutes
  • FTSE MIB

    26.076,72
    +71,32 (+0,27%)
     
  • Dow Jones

    34.639,79
    +617,75 (+1,82%)
     
  • Nasdaq

    15.381,32
    +127,27 (+0,83%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    68,19
    +1,69 (+2,54%)
     
  • BTC-EUR

    50.572,86
    +164,29 (+0,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.458,21
    +19,33 (+1,34%)
     
  • Oro

    1.771,10
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,1306
    0,0000 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    4.577,10
    +64,06 (+1,42%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.111,81
    +3,79 (+0,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,8511
    +0,0017 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0397
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,4514
    +0,0042 (+0,29%)
     

Allarme acciaio, il 10 novembre sciopero dei sindacati di categoria

·1 minuto per la lettura
ROME, ITALY - NOVEMBER 05: (L-R) The three secretaries-general Fim Roberto Benaglia, Francesca Re David, Uilm Rocco Palombella with the Metalworkers on strike demonstrate at Piazza Esquilino  on November 5, 2020 in Rome, Italy. The metalworkers of Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil called for a four-hour strike and nationwide demonstrations requesting the renewal of the national collective labour agreements contract which expired 10 months ago. (Photo by Simona Granati - Corbis/Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)
ROME, ITALY - NOVEMBER 05: (L-R) The three secretaries-general Fim Roberto Benaglia, Francesca Re David, Uilm Rocco Palombella with the Metalworkers on strike demonstrate at Piazza Esquilino on November 5, 2020 in Rome, Italy. The metalworkers of Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil called for a four-hour strike and nationwide demonstrations requesting the renewal of the national collective labour agreements contract which expired 10 months ago. (Photo by Simona Granati - Corbis/Getty Images) (Photo: Simona Granati - Corbis via Getty Images)

“Abbiamo deciso lo sciopero con la manifestazione a Roma dopo aver atteso diverso tempo e sollecitato i ministri competenti per discutere e analizzare la drammaticità che vive la siderurgia in Italia, a cominciare dalla ex Ilva e le acciaierie di Piombino, accumunate da una genesi comune nella produzione di acciaio da altoforno e con produzione diverse. Le sollecitazioni al governo e gli incontri non hanno sortito nulla”. Lo sottolinea il leader della Uilm, Rocco Palombella, in occasione della conferenza stampa di presentazione dello sciopero della siderurgia prevista per il 10 novembre.

“Non è una vertenza vecchia perché il settore siderurgico è strategico. Saremo costretti a comprare l’acciaio dall’estero - prosegue Palombella - La Cina ha aumentato la sua produzione di acciaio. In Italia c’è una situazione ingovernabile e un atteggiamento del governo fastidioso e nessuno ne vuole parlare. Abbiamo bassi livelli produttivi di acciaio e molti lavoratori in cassa integrazione. Abbiamo sollecitato il ministro dello Sviluppo economico Giorgetti, ma il nuovo piano industriale per l’Ex Ilva non è stato ancora presentato. Non riusciamo a capire perchè il piano non viene presentato. Sono necessari investimenti impiantistici e la mancanza di manutenzione per la sicurezza”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli