Italia markets close in 56 minutes
  • FTSE MIB

    24.321,94
    -76,47 (-0,31%)
     
  • Dow Jones

    33.948,39
    +132,49 (+0,39%)
     
  • Nasdaq

    13.947,10
    +128,69 (+0,93%)
     
  • Nikkei 225

    29.020,63
    -167,54 (-0,57%)
     
  • Petrolio

    62,28
    +0,85 (+1,38%)
     
  • BTC-EUR

    40.984,50
    -5.043,26 (-10,96%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.134,69
    +10,79 (+0,96%)
     
  • Oro

    1.773,60
    -8,40 (-0,47%)
     
  • EUR/USD

    1,2069
    +0,0051 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    4.162,18
    +27,20 (+0,66%)
     
  • HANG SENG

    29.078,75
    +323,41 (+1,12%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.999,41
    -15,39 (-0,38%)
     
  • EUR/GBP

    0,8701
    +0,0023 (+0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,1045
    +0,0028 (+0,25%)
     
  • EUR/CAD

    1,5060
    +0,0037 (+0,25%)
     

Allarme Censis: 9,4 mln di italiani temono di perdere il lavoro

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 24 mar. (askanews) - Il futuro fa paura ai lavoratori. Sono 9,4 milioni i lavoratori del settore privato preoccupati sul futuro della propria occupazione. In particolare, 4,6 milioni temono di andare incontro a una riduzione del reddito, 4,5 milioni prevedono di dover lavorare più di prima, 4,4 milioni hanno paura di perdere il posto e di ritrovarsi disoccupati, 3,6 milioni di essere costretti a cambiare lavoro. Gli operai spaventati sono 3 su 4. Del resto, nonostante il blocco dei licenziamenti stabilito per decreto, nel 2020 non sono stati rinnovati 393.000 contratti a termine. Sono alcuni dei principali risultati del quarto Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale, realizzato in collaborazione con Eudaimon e con il contributo di Credem, Edison e Michelin.

Al cupo orizzonte dei lavoratori si contrappone l'ottimismo delle aziende. L'87% guarda con ottimismo la ripresa dopo l'emergenza. Voglia di fare (62,2%), speranza (33,7%) e coesione interna (30,1%) sono gli stati d'animo prevalenti tra i responsabili aziendali intervistati dal Censis. Il dopo sarà caratterizzato dalla corsa al recupero di fatturato e quote di mercato (76%) e dalla sfida della transizione digitale (36,2%). L'ottimismo delle aziende colpisce, visto che ben il 68,7% di esse ha registrato perdite di fatturato dopo il lockdown della scorsa primavera. Nonostante le straordinarie difficoltà, per il 62,2% dei responsabili aziendali le proprie imprese se la stanno cavando bene.