Italia markets open in 7 hours 26 minutes
  • Dow Jones

    27.463,19
    -222,19 (-0,80%)
     
  • Nasdaq

    11.431,35
    +72,41 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    23.397,21
    -88,59 (-0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,1787
    -0,0003 (-0,02%)
     
  • BTC-EUR

    11.621,31
    +3,45 (+0,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    270,98
    +9,69 (+3,71%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • S&P 500

    3.390,68
    -10,29 (-0,30%)
     

Allarme Huawei: “Siamo in difficoltà, l'obiettivo al momento è sopravvivere”

Fabrizio Arnhold
·1 minuto per la lettura
Allarme Huawei: “Siamo in difficoltà, l'obiettivo al momento è sopravvivere”
Allarme Huawei: “Siamo in difficoltà, l'obiettivo al momento è sopravvivere”

Le restrizioni decise dall’amministrazione Trump stanno mettendo a dura prova il colosso cinese che potrebbe avere problemi a continuare a produrre smartphone

Huawei sotto attacco. Il colosso cinese è in difficoltà a causa dei continui “attacchi” dagli Stati Uniti che minacciano di bloccare l’accesso alla nuova rete veloce. “Huawei si trova in una situazione difficile in questi giorni”, fa sapere l’ad della società, Guo Ping. “L’aggressione continua del governo degli Stati Uniti ci ha messo sotto pressione”.

“OBIETTIVO SOPRAVVIVENZA”

Se le cose non dovessero cambiare on futuro, “l’obiettivo è la sopravvivenza”, ha aggiunto Ping. Negli ultimi giorni Washington ha aumentato la pressione su Huawei, con nuove sanzioni che limitano ulteriormente l’accesso dell’azienda cinese ai chip per computer di cui ha bisogno per la produzione di smartphone 5G.

IL BLOCCO DI TRUMP

Le aziende che producono chip non possono più vendere a Huawei senza prima aver ottenuto l’autorizzazione dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. Il motivo è legato alla scelta del presidente Donald Trump che considera Huawei un rischio per la sicurezza nazionale, sostenendo che Pechino utilizzi le apparecchiature Huawei per spiare gli americani.

“COLPO LETALE”

Le sanzioni di Trump, secondo gli analisti, sono “un colpo letale” e una “condanna a morte” per l’azienda tech cinese. “Gli Stati Uniti ci attaccano continuamente e l’ultima restrizione ha posto grandi sfide alle nostre operazione”, ha commentato Guo Ping. Secondo alcune stime, Huawei avrebbe materiale per produrre telefoni fino al termine del 2020, anche se l’ad durante la conferenza stampa ha precisato che “stiamo valutando maggiori dettagli” per fornire una stima più precisa. Ma è probabile che si tratti solo di qualche mese. Il Regno Unito a luglio ha deciso di escludere Huawei dalla sua rete 5G.