Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.443,51
    -57,17 (-0,18%)
     
  • Nasdaq

    11.534,01
    -73,61 (-0,63%)
     
  • Nikkei 225

    26.871,27
    +379,30 (+1,43%)
     
  • EUR/USD

    1,0590
    +0,0031 (+0,30%)
     
  • BTC-EUR

    19.613,02
    -601,81 (-2,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    452,40
    -9,40 (-2,04%)
     
  • HANG SENG

    22.229,52
    +510,46 (+2,35%)
     
  • S&P 500

    3.902,52
    -9,22 (-0,24%)
     

Allarme supermercati, uno su due non trova cassieri e banconisti: cosa succede

Allarme supermercati, uno su due non trova cassieri e macellai: cosa succede (Photo by Simona Granati/Corbis via Getty Images)
Allarme supermercati, uno su due non trova cassieri e macellai: cosa succede (Photo by Simona Granati/Corbis via Getty Images)

Un nuovo allarme supermercati: non si trovano nuovi cassieri e addetti al banco. Negli ultimi due anni, infatti, 1 impresa su 3 della distribuzione alimentare, in modo particolare supermercati e minimarket, ha ricercato nuovo personale, di queste quasi la metà (47%) ha incontrato difficoltà nel trovare le risorse delle quali aveva bisogno determinando, per il 42,2%, anche un impatto negativo sui propri ricavi.

È quanto emerge dall’Osservatorio 2022 sul settore del commercio al dettaglio alimentare di Fida-Confcommercio, la Federazione Italiana Dettaglianti Alimentari.

GUARDA ANCHE - Esselunga, Coop o Aldi? Quali sono i supermercati preferiti dagli italiani? La classifica di Altroconsumo

Tra le cause principali della difficoltà nella ricerca troviamola scarsità di personale con le competenze o esperienze richieste (64,1%), orari di lavoro ritenuti pesanti (40,2%), mansioni di lavoro poco attrattive (31,3%). Le figure professionali più richieste e di cui si soffre la carenza sono: i banconisti (68,1%), i cassieri (58,5%), i macellai (42,2%) e gli scaffalisti (39,3%). Mentre addetti all’e-commerce e alle pulizie (2,2%) quelle meno richieste.

"Il rafforzamento delle competenze - ha spiegato la presidente di Fida-Confcommercio, Donatella Prampolini- è la chiave per superare il grave problema del mancato incrocio fra domanda ed offerta sul mercato del lavoro. Occorre una maggiore sinergia fra le politiche per il lavoro e le politiche dell’istruzione e della formazione con l’obiettivo di creare un sistema integrato di strumenti e servizi di politica attiva che pongano al centro la persona e lo sviluppo delle sue capacità formative ed occupazionali. Solo un adeguato livello di competenze e conoscenze consente a chi è in cerca di occupazione di poter affrontare nuovi lavori e di approcciare in maniera diversa quelli già esistenti".

GUARDA ANCHE - Effetto Covid, che stress per chi lavora nei supermercati

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli