Italia markets open in 7 hours 5 minutes
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1833
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    10.067,85
    +672,38 (+7,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    239,54
    +0,62 (+0,26%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

All'asta da Sotheby's a 80 milioni di dollari raro dipinto di Botticelli

webinfo@adnkronos.com
·2 minuti per la lettura

Un dipinto dell'artista rinascimentale italiano Sandro Botticelli dovrebbe fruttare almeno 80 milioni di dollari all'asta di Sotheby's. Il dipinto intitolato "Giovane che tiene in mano un tondello", uno dei circa una dodici ritratti ancora esistenti di Botticelli, sarà messo in vendita all'asta a gennaio, ha spiegato Sotheby's.

La casa d'aste ha detto che il ritratto, che raffigura un giovane di origini sconosciute, è considerato uno dei più significativi dipinti rinascimentali in mano a privati. Gli esperti stimano che potrebbe essere venduto anche per più di 100 milioni di dollari, prezzo pagato l'ultima volta per il dipinto "Meules" (Covoni di fieno) dell'impressionista francese Claude Monet, venduto per 110,7 milioni di dollari nel 2019.

Il record esistente per un'opera dell'artista italiano è di 10,4 milioni di dollari, pagati per la cosiddetta "Madonna di Rockefeller," Madonna con il Bambino e il Giovane San Giovanni Battista, da Christie's nel gennaio 2013.

Il "Giovane che tiene in mano un tondello" fu dipinto nel 1470 o 1480 e acquistato da un aristocratico britannico nel XVIII secolo. Dopo essere passato in mani private, fu venduto all'asta all'attuale proprietario, la cui identità non è nota. Sotheby's non ha identificato il mittente del ritratto. L'arrivo dell'opera al blocco delle aste è senza dubbio una delusione per i numerosi musei che l'hanno esposta nel corso degli anni, tra cui il Metropolitan Museum of Art di New York, dove è stata esposta all'inizio di quest'anno, la National Gallery di Londra (che l'ha esposta dal 1969 al 1978) e la National Gallery of Art di Washington, DC (dal 1990 al 2013).

Sebbene l'identità dell'uomo raffigurato sia sconosciuta, alcuni hanno suggerito che potrebbe essere Giovanni di Pierfrancesco de' Medici, il cui fratello Lorenzo era un importante mecenate di Botticelli. Fin dalla giovane età, Botticelli era ricercato dai ricchi mecenati (compresi i Medici). Ma mentre realizzava alcuni dei più importanti ritratti della storia dell'arte occidentale, oggi ne sopravvivono solo una dozzina circa di esemplari, quasi tutti nelle principali collezioni museali. A testimonianza della loro rarità, solo 11 dipinti dell'artista sono stati messi all'asta per oltre un milione di dollari (e tre di questi sono stati attribuiti alla sua bottega, ai suoi seguaci o al suo circolo).

Il dipinto è stato registrato per la prima volta negli anni '30 nella collezione di Lord Newborough a Caernarvon nel Galles, e si ritiene che sia stato acquistato per la prima volta dal suo antenato, Sir Thomas Wynn, 1° Lord Newborough (1736-1807) mentre viveva in Toscana. A metà degli anni Trenta del secolo scorso, il ritratto passò, tramite un commerciante londinese, a un collezionista privato, i cui eredi lo vendettero all'asta nel 1982 all'attuale proprietario per 810.000 sterline.