Italia markets close in 3 hours 51 minutes
  • FTSE MIB

    25.435,29
    +83,69 (+0,33%)
     
  • Dow Jones

    34.838,16
    -97,31 (-0,28%)
     
  • Nasdaq

    14.681,07
    +8,39 (+0,06%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • Petrolio

    71,61
    +0,35 (+0,49%)
     
  • BTC-EUR

    32.378,70
    -1.156,24 (-3,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    935,30
    -25,59 (-2,66%)
     
  • Oro

    1.809,60
    -8,50 (-0,47%)
     
  • EUR/USD

    1,1892
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    4.387,16
    -8,10 (-0,18%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.124,19
    +7,57 (+0,18%)
     
  • EUR/GBP

    0,8535
    -0,0016 (-0,18%)
     
  • EUR/CHF

    1,0733
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4862
    +0,0020 (+0,14%)
     

Alleanza cooperative: bene fondo 100 mln ristorazione collettiva

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 lug. (askanews) -"Apprendiamo con favore l'istituzione del fondo di 100 milioni per le imprese della ristorazione collettiva inserito dalla Commissione Bilancio della Camera all'interno del Decreto Sostegni Bis e con l'accordo unanime delle forze politiche. Dall'inizio della pandemia ci siamo battuti per avere il giusto riconoscimento per un settore, che più di altri, ha subit o i danni derivanti dalle chiusure emergenziali, dovendo far fronte a una crisi senza precedenti". Il commento dell'Alleanza delle Cooperative Italiane Servizi (Agci Servizi, Confcooperative Lavoro e Servizi, Legacoop Produzione e Servizi) e Angem, a seguito dell'approvazione avvenuta in data odierna dell'emendamento relativo ai contributi a sostegno delle imprese del settore.

La chiusura delle scuole per alcuni mesi e il ricorso massiccio allo smart working, che ha determinato la chiusura delle mense aziendali, hanno provocato uno shock economico-finanziario per le imprese del settore, che hanno chiuso i bilanci 2020 con perdite tra il 30% e il 40%. Imprese che occupano circa 100mila persone, l'85% donne, e che non hanno avuto alcun riconoscimento nei precedenti provvedimenti di sostegno emanati a causa della soglia di 5 milioni di fatturato per l'accesso agli aiuti, soglia che però non ha tenuto conto della caratteristica intrinseca al settore dei servizi, ossia l'essere imprese labour intensive. Tutte le aziende della Ristorazione Collettiva, anche le più piccole, sono ad alta intensità di manodopera, con un fatturato annuo di oltre 5 milioni di euro, un elevato numero di dipendenti e bassi margini; caratteristiche che non hanno consentito fino ad ora l'accesso ai fondi.

"La ristorazione collettiva ha pagato il prezzo di non essere visibile, ma i confronti positivi e costanti avviati fin dallo scorso anno con Governo e Parlamento hanno fatto sì che si ponesse rimedio a questa iniquità", commentano le Associazioni del settore, che sottolineano come le imprese abbiano resistito facendo leva sul patrimonio accumulato, anche con azioni di solidarietà messe in campo dai lavoratori, come ad esempio l'anticipo della cassa integrazione.

Le associazioni chiedono ora al Ministero dello Sviluppo Economico e al Ministero dell'Economia e delle Finanze, che hanno il compito di emanare il decreto attuativo, di istituire al più presto un tavolo di confronto per rendere attuabile quanto deciso nel Decreto Sostegni Bis.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli