Italia markets open in 4 hours 33 minutes
  • Dow Jones

    30.960,00
    -36,98 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    13.635,99
    +92,93 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.641,13
    -181,16 (-0,63%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    26.415,22
    -240,94 (-0,90%)
     
  • CMC Crypto 200

    648,32
    -28,58 (-4,22%)
     
  • HANG SENG

    29.577,60
    -581,41 (-1,93%)
     
  • S&P 500

    3.855,36
    +13,89 (+0,36%)
     

Allegri: "Voglio tornare ad allenare in Italia o in Premier. CR7 o Ibra? Vi dico chi è il migliore"

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

L'ex allenatore della Juve Massimiliano Allegri, attualmente senza squadra, ha parlato del suo futuro e non solo in un'intervista concessa al Times: "Mi piacerebbe vivere la Premier League. È un campionato che è diventato nel tempo più elaborato e tattico. In Italia ho passato quattro anni al Milan e poi cinque alla Juventus: mi piacerebbe tornare a lavorare in Italia, ma è difficile, o in Inghilterra. Il calcio inglese sta migliorando perché ci sono tanti allenatori stranieri".

Massimiliano Allegri e Cristiano Ronaldo | Tullio M. Puglia/Getty Images
Massimiliano Allegri e Cristiano Ronaldo | Tullio M. Puglia/Getty Images

Nel corso dell'intervista Allegri ha elogiato Cristiano Ronaldo, avuto alla Juve: "Ho avuto molti giocatori forti, con una mentalità forte. Difensori come Chiellini e Nesta, centrocampisti come Gattuso e Seedorf, attaccanti come Ibrahimovic e Ronaldo. Per mentalità Cristiano Ronaldo è il migliore, ha una testa diversa da tutti gli altri. Ha vinto cinque Palloni d’Oro, cinque Champions League, un Campionato Europeo con il Portogallo, ed è molto difficile, facendo sempre la differenza. Ogni anno ha un obiettivo nuovo".

Infine sul ruolo dell'allenatore: "L’allenatore deve essere uno psicologo. L’80% è psicologia, il 20% è tattica. Dobbiamo guardare nella testa dei giocatori, perché sono giovani, sono ‘bambini’. Dobbiamo parlare con loro ogni giorno, sapere tutto, conoscere i loro problemi. I problemi di un diciottenne sono diversi da quelli di un veterano. Chi va in panchina deve avere fiducia nel suo allenatore. La prima qualità per un tecnico è la psicologia".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.