Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.384,14
    +268,63 (+1,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

AllianzGI vede opportunità sulla Borsa di Londra ora sottovalutata

Virgilio Chelli
·3 minuto per la lettura
AllianzGI vede opportunità sulla Borsa di Londra ora sottovalutata
AllianzGI vede opportunità sulla Borsa di Londra ora sottovalutata

L’accordo di Brexit con la Unione Europea rende la Gran Bretagna di nuovo "investibile", ma molti fattori continueranno a cominciare dal lockdown, per cui prevede volatilità a breve e raccomanda cautela e selezione

L’azionario britannico appare sottovalutato, a differenza delle altre asset class. Ora l'accordo commerciale di Brexit con l’Unione Europea segna un passo essenziale per rendere il Paese di nuovo "investibile", ma molti altri fattori, a partire dalla pandemia in corso, continueranno a pesare. Inoltre, la sterlina non dovrebbe rafforzi ulteriormente a breve termine dopo il breve rally sull'annuncio dell'accordo. In termini di crescita economica il Regno Unito sembra destinato a ripartire nel corso del 2021, ma il mercato azionario presenta ancora svantaggi strutturali da affrontare, non ultimo il mix di settori.

MAGGIOR VOLATILITÀ A BREVE

È l’istantanea scattata dall’analisi di Allianz Global Investors sul futuro del Regno Unito dopo la Brexit, in cui si prevede un aumento della maggiore volatilità a breve termine, che richiederà di essere più selettivi per sfruttare le giuste opportunità. AllianzGI continuerà a cercare di aiutare i suoi clienti adottando un approccio attivo nell'investimento in obbligazioni e in azioni britanniche. Per quanto riguarda l’economia, AllianzGI ritiene che l’accordo con la UE somigli a quella che un tempo sarebbe stata considerata una “hard Brexit”, con l’aggiunta di un terzo lockdown che continuerà a deprimere le attività.

OPPORTUNITÀ DI ACQUISTO SULL’AZIONARIO

Ma l’intesa con Bruxelles, che arriva dopo un anno in cui l’indice FTSE ha perso oltre 14% mettendo a segno la peggior performance dalla crisi finanziaria, rimuove una fonte di incertezza che aveva pesato sul mercato fin dal referendum del 2016. Non cambierà da un giorno all’altro l’umore degli investitori, ma potrebbe indurli a cominciare a vedere opportunità di acquisto su un azionario pesantemente sottovalutato. Inoltre l’arrivo del vaccino consente di guardare oltre il Covid-19, con la prospettiva di un ritorno alla crescita nella seconda metà del 2021.

INFRASTRUTTURE E RIPRESA "VERDE"

I settori più colpiti dalla pandemia, come hotel, ristorazione, trasporti, tempo libero e spettacolo, dovrebbero cominciare a segnare tassi di crescita in recupero dal primo trimestre del 2021 rispetto alle performance del 2020. Secondo AllianzGI, inoltre, la logistica dovrebbe segnare un forte recupero, grazie all’accelerazione dell’e-commerce dovuta alla pandemia, mentre le costruzioni dovrebbero beneficiare delle misure fiscali di supporto ai progetti infrastrutturali, visto che Londra mette la “ripresa verde” al cuore della sua visione post-Covid.

POCO SPAZIO DI APPREZZAMENTO PER LA STERLINA

Il mercato azionario londinese tuttavia è diverso dall’economia britannica, molte grandi aziende quotate sono multinazionali che ricevono una larga fetta di fatturato e utili dall’estero, e quindi beneficeranno di ogni indebolimento della sterlina. Dopo il rally sull’effetto Brexit, AllianzGI non si aspetta comunque un ulteriore significativo rafforzamento della divisa, con l’attesa che Bank of England continui nel quantitative easing, comprando titoli governativi, e spingendo se necessario i tassi in territorio negativo.