Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.682,57
    -36,86 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.771,94
    +85,03 (+0,54%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1348
    +0,0075 (+0,67%)
     
  • BTC-EUR

    44.639,34
    -673,75 (-1,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.320,04
    +14,93 (+1,14%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.694,93
    +8,18 (+0,17%)
     

Altcoin a 1-2 euro (XRP, XLM, ALGO, MATIC), cosa attendersi dal BTC rally

·3 minuto per la lettura

algorandMentre gli occhi del mondo crypto sono concentrati sul bitcoin (BTC) ed anche su ether (ETH), per molti che non hanno mai comprato prima nessuna delle due altcoin appare un miraggio poterle possedere nella loro interezza.

Alcuni, scoraggiati, potrebbero essere troppo abbagliati dalla sfolgorante prestazione di BTC, di ETH o anche di binance coin (BNB) e non vedere le piccole ma importanti altcoin come XRP del Ripple Labs, o Stellar (XLM) e ancora Algorand (ALGO) e Polygon (MATIC).

Queste ultime criptovalute valgono tra 1 e 2 euro e sono per questo alla maggior portata di molti investitori. Scopriamo nel dettaglio quale potrebbe essere la loro direzione di prezzo nei prossimi mesi.

Ripple (XRP) verso i 5 dollari nel 2022?

XRP, come avevamo scritto alcuni mesi fa, resta una delle poche a non aver superato il suo ATH del 2017. Come mai? Tutto nasce dalla causa legale con la Securities and Exchange Commission (SEC) che tiene Ripple Labs e un paio dei suoi manager sotto scacco.

Il fatto è che exchange come Coinbase hanno fatto il delisting della criptovaluta e quindi su alcune piattaforme non è più acquistabile.

Tuttavia, la grande “figurella” della SEC potrebbe presto essere smascherata. Già perché Jeremy Hogan, avvocato nella causa XRP-SEC ha dichiarato:

“La SEC sarà costretta ad ammettere che non c’è nulla in uno di questi contratti che ha creato un’aspettativa di profitti da parte degli acquirenti di XRP. Questo è un grosso problema per la SEC. Inoltre, la maggior parte delle richieste di ammissione di Ripple sono state cancellate: ma ce lo aspettavamo”, lo riporta l’avvocato in un tweet.

Questo significa solo una cosa, che se XRP vince la causa sarà meglio allacciarsi le cinture di sicurezza.

Stellar (XLM)

Alcune settimane fa la Fondazione Stellar ha stretto una collaborazione con MoneyGram International. Ricorderete che Ripple Labs aveva pagato quest’ultima per adottare la loro RippleNet e le loro soluzioni tecnologiche per trasferire le rimesse internazionali.

Ma i problemi di Ripple Labs con la SEC hanno spinto MoneyGram a rompere quell’accordo e a passare a Stellar.

XLM resta molto basso. Ha recuperato qualcosa dopo il tonfo di aprile – maggio, ma la altcoin, come XRP, non ha nemmeno visto da vicino il suo ATH. Tuttavia la criptovaluta è posizionata meglio di XRP per un potenziale rialzo del prezzo nei prossimi mesi.

Altcoin Algorand (ALGO)

Tra le piattaforme dimenticate che operano smart contract troviamo Algorand e la sua altcoin ALGO. Nata grazie agli studi sulla crittografia del professore italiano Silvio Micali (premio Turing) all’interno del MIT di Boston e con la collaborazione di altri eminenti studiosi, il progetto non è mai decollato davvero perché non ha trovato lo spazio di visibilità di altri progetti, come Cardano.

Tuttavia la piattaforma passerà dalle mille transazioni al secondo attuali, alle 10 mila transazioni al secondo entro il primo trimestre del 2022. Potrebbe far bene al portafoglio crypto possederla.

Polygon (MATIC)

E infine la altcoin MATIC. Il progetto Polygon sembra che stia attraendo l’interesse di Bitwise e di altri investitori che potrebbero dare al progetto ciò che gli serve, ovvero progetti e casi d’uso reali. Senza questi ultimi, infatti, le piattaforme decentralizzate sono delle belle blockchain vuote.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli