Italia markets closed
  • FTSE MIB

    20.648,85
    +295,87 (+1,45%)
     
  • Dow Jones

    28.725,51
    -500,10 (-1,71%)
     
  • Nasdaq

    10.575,62
    -161,89 (-1,51%)
     
  • Nikkei 225

    25.937,21
    -484,84 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    79,74
    -1,49 (-1,83%)
     
  • BTC-EUR

    19.709,82
    -411,65 (-2,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,49
    +0,06 (+0,01%)
     
  • Oro

    1.668,30
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    0,9801
    -0,0018 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.585,62
    -54,85 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    17.222,83
    +56,96 (+0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.318,20
    +39,16 (+1,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8782
    -0,0040 (-0,45%)
     
  • EUR/CHF

    0,9674
    +0,0099 (+1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3551
    +0,0121 (+0,90%)
     

Alternativa russa a Swift si sta espandendo rapidamente quest'anno - banca centrale russa

La bandiera nazionale sventola sulla sede della Banca centrale russa a Mosca

(Reinvia senza modifiche a testo)

KAZAN, Russia (Reuters) - La versione alternativa russa al sistema di pagamenti internazionale Swift è cresciuta a un ritmo record quest'anno.

Lo ha detto la banca centrale russa, mentre Mosca sta intensificando gli sforzi per risolvere le difficoltà finanziarie causate dalle sanzioni.

Le sanzioni occidentali imposte a molte delle principali banche russe, in seguito all'invio da parte della Russia di decine di migliaia di truppe in Ucraina, hanno limitato notevolmente l'accesso degli istituti di credito al sistema finanziario globale. Il sistema Swift è alla base delle transazioni finanziarie a livello globale.

Alla Bakina, direttrice del dipartimento del sistema di pagamento nazionale della banca centrale, ha affermato che quest'anno 50 nuove entità hanno aderito al sistema alternativo russo, portando il numero totale a 440, di cui più di 100 non residenti.

"Il sistema di trasferimento dei messaggi finanziari (Spfs) si è ampliato quest'anno perché più partecipanti stranieri ne sono entrati a far parte", ha detto Bakina a un forum del settore bancario a Kazan.

"Nella prima metà dell'anno sono entrati a far parte dell'Spfs più partecipanti che in tutti gli anni precedenti da quando esiste il sistema", ha sottolineato.

Bakina ha aggiunto che la banca centrale non rende noto l'elenco dei paesi le cui istituzioni hanno aderito all'Spfs.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Gianluca Semeraro)