Italia markets close in 2 hours 16 minutes
  • FTSE MIB

    23.165,16
    +67,01 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.961,86
    +424,51 (+1,35%)
     
  • Nasdaq

    13.597,97
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    30.168,27
    +496,57 (+1,67%)
     
  • Petrolio

    62,93
    -0,29 (-0,46%)
     
  • BTC-EUR

    42.145,14
    +413,05 (+0,99%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.028,73
    +13,81 (+1,36%)
     
  • Oro

    1.780,40
    -17,50 (-0,97%)
     
  • EUR/USD

    1,2219
    +0,0051 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    3.925,43
    +44,06 (+1,14%)
     
  • HANG SENG

    30.074,17
    +355,93 (+1,20%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.710,91
    +4,92 (+0,13%)
     
  • EUR/GBP

    0,8640
    +0,0040 (+0,47%)
     
  • EUR/CHF

    1,1073
    +0,0045 (+0,41%)
     
  • EUR/CAD

    1,5263
    +0,0038 (+0,25%)
     

Altri pesanti ribassi per Tesla e Bitcoin, le bolle stanno scoppiando?

Fabrizio Arnhold
·2 minuto per la lettura
Altri pesanti ribassi per Tesla e Bitcoin, <br />le bolle stanno scoppiando?
Altri pesanti ribassi per Tesla e Bitcoin,
le bolle stanno scoppiando?

Il marchio di auto elettriche di Elon Musk inciampa nella svolta pro Bitcoin. Anche la segretaria al Tesoro Usa, Janet Yellen, ha attaccato la criptomoneta: “Altamente speculativa ed inefficiente”

“Altamente speculativo ed inefficiente”. La segretaria al Tesoro Usa, Janet Yellen, ieri ha messo in dubbio la legittimità e la stabilità del Bitcoin, sostenendo di non credere che la criptomoneta venga “ampiamente utilizzata in quanto strumento di transizione”. La più famosa criptovaluta cala del 12%, a 47.173 dollari. Il titolo di Tesla, dopo che il patron Elon Musk ha aperto nei giorni scorsi sull’utilizzo del Bitcoin anche per pagare l’acquisto di una delle sue auto, ieri ha chiuso a -9% e oggi perde il 6%. Segnali di bolle che stanno scoppiare?

BITCOIN SULLE MONTAGNE RUSSE

Il Bitcoin dopo il record di due giorni fa, con il prezzo che ha sfondato quota 58.000 dollari, è sceso ieri sotto i 50.000 dollari per poi chiudere la giornata a 54.000 dollari. Oggi non si ferma il calo del prezzo della criptomoneta, che viaggia attorno ai 47.000 dollari, in calo di oltre l’12%, dopo le parole della segretaria al Tesoro Usa, Janet Yellen, che ha espresso forti dubbi: “È un asset altamente speculativo, e sapete che è necessario essere consapevoli del fatto che può essere estremamente volatile. Sono preoccupata delle perdite potenziali che gli investitori potrebbero soffrire”, ha detto in un’intervista.

AL NASDAQ IN CALO IL TECH

I primi segnali sono già arrivati ieri. Il Nasdaq apre la giornata di contrattazioni in calo (-2,00%), con il titolo di Tesla tra i più in difficoltà (-5,91%), dopo il calo dei giorni scorsi, con il prezzo dell’azione che scende sotto i 700 dollari. Apple cede il 2%, dopo il -3% di ieri: nell'ultimo mese, il produttore dell'iPhone ha ceduto il 9,4%. E tornando a Tesla, sabato il cofondatore Elon Musk, che avrebbe ottenuto un profitto di circa 1 miliardo di dollari dall’investimento in Bitcoin, ha twittato che il valore della valuta digitale “sembra alto”. La sua uscita social ha spinto molti investitori a vendere. Tendenza che prosegue anche nella giornata di oggi, rafforzata dai dubbi espressi dalla Yellen.

SCOPPIA LA BOLLA?

Tesla ha acquistato 1,5 miliardi di Bitcoin all’inizio del mese, per “maggiore flessibilità per diversificare ulteriormente e massimizzare i rendimenti sulla liquidità”. E il marchio di auto elettriche ha anche aperto alla possibilità di accettare i Bitcoin come forma di pagamento per acquistare una vettura. Musk ha definito il Bitcoin una versione “meno stupida” del contante. Fatto sta che sono stati in molti a storcere il naso: Tesla produce auto a zero emissioni ma poi investe in Bitcoin che pesano in termini ambientali. Quanto? L’Università di Cambridge ha calcolato che il Bitcoin consuma circa 121,36 terawattora all’anno. Il consumo annuale di elettricità di Bitcoin lo pone al limite dell’equivalente di uno dei primi 30 paesi al mondo.