Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.804,01
    -195,09 (-1,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Alzheimer, batteri intestinali bersaglio per rallentarlo

(Adnkronos) - "La manipolazione del microbiota intestinale potrebbe potenzialmente contribuire, insieme alla concomitante assunzione di altre terapie farmacologiche, a un rallentamento della malattia di Alzheimer". A indicare i batteri dell'intestino come un bersaglio per contrastare la forma più diffusa di demenza è Annamaria Cattaneo, responsabile del Laboratorio di Psichiatria biologica dell'Irccs Istituto Centro San Giovanni di Dio Fatebenefratelli di Brescia, intervenuta nella città lombarda a un convegno sulla malattia neurodegenerativa.

"Noi e altri gruppi di ricerca - spiega l'esperta, come riporta una nota - abbiamo osservato la presenza di uno stato infiammatorio alterato in pazienti con malattia di Alzheimer. Ad esempio, in alcuni lavori scientifici pubblicati negli ultimi anni abbiamo dimostrato che il microbiota intestinale contribuisce all'instaurarsi di tale stato infiammatorio e anche a una produzione alterata di alcuni metaboliti batterici che hanno un ruolo importante a carico della funzionalità del cervello. Avere uno stato infiammatorio aumentato nell'intestino significa che dall'intestino alcune molecole e metaboliti batterici possono passare in circolo" nel sangue "e raggiungere il cervello, dove possono contribuire allo sviluppo di diverse malattie neurodegenerative tra cui la malattia di Alzheimer. Questo ha aperto la strada a percorsi di prevenzione" basati su "trattamenti specifici con effetto protettivo per il microbiota, come ad esempio la dieta, l'assunzione di probiotici, fino all'alternativa terapeutica più complessa come il trapianto fecale", che "potrebbero essere efficaci in una fase molto precoce della malattia".

"Nonostante molti studi debbano ancora essere condotti prima di poter introdurre la manipolazione del microbiota in campo clinico e nuove strategie che abbiano come target il microbiota debbano essere implementate - puntualizza Cattaneo - sicuramente dobbiamo iniziare a pensare al microbiota intestinale come potenziale bersaglio terapeutico personalizzato. Anche il nostro gruppo di ricerca - conclude la specialista - sta lavorando attivamente al fine di dimostrare che, manipolando la composizione del microbiota intestinale, si riesce anche a modificare la biologia associata allo sviluppo della malattia di Alzheimer e quindi, agendo in fasi precoci di malattia, rallentarne anche la progressione".