Italia Markets closed

Amazon, frodi informatiche e 5G nel mirino

webinfo@adnkronos.com

dall'inviato Mattia Repetto 

Frodi informatiche e reti 5G, due argomenti di attualità che finiscono nel 'mirino' di Amazon Web Services. Nel corso del keynote al Re:invent 2019 in corso a Las Vegas, il ceo della società Andy Jassy ha annunciato una serie di strumenti software e hardware che di fatto vanno ad aumentare in maniera consistente l’ecosistema di Aws dedicato a cloud, machine learning e intelligenza artificiale, andando a coprire praticamente tutte le esigenze dei clienti tra cui sicurezza, analisi e processi automatizzati e a sfidare ancora di più gli altri grandi del settore come Ibm e Oracle – citati nelle slide proiettate sugli schermi – ma anche Microsoft e Google. Tra questi nuovi servizi, il ceo ha parlato dell’importanza della prevenzione e del blocco delle frodi informatiche, uno dei problemi maggiori per aziende e società, soprattutto finanziarie, che operano sul web attraverso il cloud.  

Aws ha messo a disposizione, da oggi, la preview del servizio Amazon Fraud Detector, una serie di soluzioni che, grazie al machine learning, è in grado di gestire in totale autonomia e in modo completo le frodi informatiche. Il sistema analizza i dati che l’utente genera nel corso dell’accesso e dell’utilizzo di un servizio su internet. Una volta ispezionati, i dati vengono integrati con altre informazioni che il servizio di Amazon Web Services possiede e crea un modello.  

A questo punto, il modello viene ottimizzato e testato, caricato nel cloud a disposizione dell’utente. Quando avviene una transazione, questa viene valutata in base al modello e le viene assegnata un livello di pericolosità. In questo modo Fraud Detector ha gli strumenti per decidere se agire o no, individuando l’eventuale frode. Sfruttando il machine learning, Amazon Fraud Detector apprende quindi in modo autonomo le informazioni, che verranno utilizzate nell’analisi di nuovi casi di sospetta frode, così da migliorare sempre di più nel tempo. 

"Sono moltissimi anni che rileviamo frodi informatiche e abbiamo capito che l’apprendimento automatico è una cosa incredibilmente utile. Il problema – ha spiegato Jassy dal palco del Sands Expo Convention Center – è che per molte aziende non è semplice utilizzare soluzioni di questo genere. Quello che offriamo è un servizio gestito totalmente da Aws: il cliente ci invia i dati delle transazioni, che comprendono indirizzi di posta elettronica, indirizzi Ip e altre informazioni che possono essere sia di operazioni fraudolente o meno. Prendiamo questi dati - ha aggiunto il ceo di Aws – e li uniamo agli algoritmi che abbiamo creato e che possono riconoscere email o domini falsi, costruendo quindi un modello unico che si basa sulle esigenze del cliente. Si tratta di un modo completamente diverso di gestire le frodi attraverso l’apprendimento automatico", ha spiegato ancora Jassy.  

L’altro fronte dove Amazon sta puntando è quello delle reti 5G, considerate dal colosso statunitense essenziali per poter offrire ai clienti di qualsiasi dimensione di gestire i propri dati sul cloud in maniera sempre più rapida. Con il servizio WaveLenght, che il ceo Jassy ha presentato nel corso del suo keynote, la latenza, cioè il tempo di attesa dal momento in cui viene richiesta nel cloud un’operazione al momento in cui questa viene eseguita, viene ridotta a numeri a una cifra.  

Il servizio si pone “ai margini dell’infrastruttura 5G” ed è in grado di accelerare il tempo di comunicazione tra i dispositivi collegati tra loro. Come ha annunciato il ceo di Aws, il partner per incorporare questa tecnologia nelle proprie reti è l’operatore statunitense Verizon, ma le collaborazioni si estendono anche ad altri importanti player del mercato delle telecomunicazioni come Vodafone, Kddi e Sk Telecom. “Connettività e velocità sono solo due aspetti delle potenzialità del 5G – ha commentato dal palco il ceo di Verizon Hans Vestberg – e adesso con questa nuova tecnologia di rete potremo portare l’elaborazione dei dati al limite perché la rete è virtualizzata”.  

Le applicazioni di questo servizio nell’ecosistema del 5G permetterà vantaggi non indifferenti, perché ci saranno sempre meno ritardi e interruzioni durante lo streaming di dati, che siano questi destinati alla visione di un video o per un servizio di guida connessa e autonoma, una delle realtà quest’ultima che l’arrivo del 5G potrebbe accelerare nella sua diffusione.