Italia markets close in 6 hours 46 minutes
  • FTSE MIB

    24.195,15
    -46,20 (-0,19%)
     
  • Dow Jones

    33.597,92
    +1,58 (+0,00%)
     
  • Nasdaq

    10.958,55
    -56,34 (-0,51%)
     
  • Nikkei 225

    27.574,43
    -111,97 (-0,40%)
     
  • Petrolio

    73,02
    +1,01 (+1,40%)
     
  • BTC-EUR

    16.024,62
    -127,29 (-0,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    394,92
    -7,11 (-1,77%)
     
  • Oro

    1.794,50
    -3,50 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0496
    -0,0018 (-0,17%)
     
  • S&P 500

    3.933,92
    -7,34 (-0,19%)
     
  • HANG SENG

    19.450,23
    +635,41 (+3,38%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.924,88
    +3,98 (+0,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,8622
    +0,0016 (+0,18%)
     
  • EUR/CHF

    0,9889
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,4353
    +0,0010 (+0,07%)
     

Ambasciata Italia a Mosca invita italiani a lasciare Russia se permanenza non necessaria

La bandiera italiana di fronte all'"Altare della Patria" noto anche come "Vittoriano", a Piazza Venezia, nel centro di Roma

MILANO (Reuters) - L'ambasciata italiana a Mosca ha invitato gli italiani presenti in Russia a lasciare il Paese se la permanenza non è necessaria.

"Considerata la più recente evoluzione del contesto internazionale e la crescente difficoltà nei collegamenti aerei e su strada in uscita dalla Russia, si raccomanda ai connazionali presenti in Russia di valutare se la permanenza sia necessaria e, in caso contrario, di lasciare il Paese", si legge in una nota dell'ambasciata pubblicata sul sito web.

"Sta diventando progressivamente più difficile spostarsi per via aerea dalla Federazione Russa verso l'Italia e altri Paesi terzi. In particolare, si registra in questi giorni un vertiginoso aumento del costo già elevato dei biglietti venduti dalle compagnie aeree e si ha notizia di lunghe code in alcuni valichi di frontiera che collegano la Federazione Russa con alcuni Paesi confinanti", prosegue la nota.

L'ambasciata raccomanda "fortemente" a tutti gli italiani in Russia "di programmare il più possibile in anticipo gli spostamenti verso l'estero e di munirsi "il prima possibile" dei biglietti, in considerazione del permanere della chiusura dello spazio aereo ai voli provenienti dalla Federazione Russa disposto dall'Unione Europea lo scorso 27 febbraio.

(Gianluca Semeraro, editing Francesca Piscioneri)