Italia markets close in 1 hour 53 minutes
  • FTSE MIB

    21.576,72
    -410,28 (-1,87%)
     
  • Dow Jones

    30.542,60
    -394,44 (-1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.374,56
    -251,50 (-1,85%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,03 (+0,31%)
     
  • Petrolio

    52,48
    -0,13 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    24.875,76
    -1.543,99 (-5,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    603,66
    -36,26 (-5,67%)
     
  • Oro

    1.840,90
    -10,00 (-0,54%)
     
  • EUR/USD

    1,2092
    -0,0077 (-0,63%)
     
  • S&P 500

    3.791,22
    -58,40 (-1,52%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,73 (-0,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.520,80
    -72,03 (-2,00%)
     
  • EUR/GBP

    0,8831
    -0,0021 (-0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,0755
    -0,0027 (-0,25%)
     
  • EUR/CAD

    1,5448
    +0,0013 (+0,08%)
     

Ambiente, Visco: il 2020 può essere svolta verso sostenibilità

Glv
·1 minuto per la lettura

Roma, 29 lug. (askanews) - Il 2020 "può essere un anno di svolta, da cui ripartire con modelli di sviluppo e stili di vita più sostenibili". Lo sostiene il governatore Ignazio Visco nell'introduzione al rapporto ambientale 2020 della Banca d'Italia. L'emergenza coronavirus "ci ricorda quanto le nostre comunità siano fragili davanti a uno shock sistemico globale: la nostra ripartenza non può che andare di pari passo con un'azione che trasformi le nostre economie accrescendone la resilienza agli shock e riducendone l'impatto sull'ambiente". "Il crescente ricorso alle fonti fossili - spiega il governatore - ha spinto la concentrazione dei gas serra su valori compatibili con un aumento globale delle temperature che sfondi la soglia di 1,5 gradi, con conseguenze potenzialmente catastrofiche per gli ecosistemi e gli equilibri ambientali del nostro pianeta". "Il 2020 - aggiunge Visco - è un anno cruciale per la lotta ai cambiamenti climatici; secondo gli scenari che ipotizzano un processo di decarbonizzazione graduale e controllato, con il 2020 si apre il decennio in cui le emissioni devono cominciare a diminuire per azzerarsi intorno al 2050. L'Italia e gli altri paesi europei, con l'approvazione del Green Deal, hanno intrapreso questa sfida".