Italia markets open in 8 hours 55 minutes
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,73 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,98 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,47 (+2,32%)
     
  • EUR/USD

    1,2148
    +0,0063 (+0,52%)
     
  • BTC-EUR

    37.515,86
    -2.686,42 (-6,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,87 (+1,11%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     

Anacer: a gennaio import cereali in calo del 17,6%, export -12,4%

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 20 apr. (askanews) - Le importazioni in Italia dei prodotti del settore cereali, semi oleosi e farine proteiche nel primo mese del 2021 sono diminuite di 352.000 tonnellate nelle quantità (-17,6%) e di 42,9 milioni di euro nei valori (-7,6%) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Lo comunica l'Anacer, associazione italiana cerealisti.

Nel dettaglio, è in calo di 286.000 tonnellate il totale importato di cereali in granella (-21%), di cui -240.000 tonnellate di frumento (-124.000 t di grano tenero e -116.000 t di grano duro), -30.000 t di mais e -14.000 t di sorgo.

Le importazioni di farine proteiche diminuiscono di 97.000 tonnellate (-36%), mentre quelle dei semi e frutti oleosi aumentano di 33.000 t (+16%). Le importazioni di riso (considerato nel complesso tra risone, riso semigreggio, riso lavorato e rotture) del mese di gennaio 2021 sono risultate in aumento di 7.600 tonnellate (+42%).

In calo a gennaio 2021 anche le esportazioni dall'Italia dei prodotti del settore cerealicolo: sono diminuite di 48.000 tonnellate nelle quantità (-12,4%) e di 13,4 milioni di euro nei valori (-4,3%), rispetto allo stesso periodo 2020. Diminuiscono le vendite all'estero dei prodotti trasformati (-52.000 t), delle paste alimentari (-13.400 t) e del riso (-9.700 t considerato nel complesso tra risone, riso lavorato, semigreggio e rotture). Aumentano invece le esportazioni dei cereali in granella (+23.200 t) e della semola di grano duro (+3.400 t).

I movimenti valutari relativi all'import/export del settore cerealicolo hanno comportato nel primo mese del 2021 un esborso di valuta pari a 520,3 milioni di euro (erano 563,2 nel 2020) ed introiti per 294,8 milioni di euro (erano 308,2 nel 2020). Pertanto il saldo valutario netto è pari a -225,5 milioni di euro, contro -255,0 milioni di euro nel 2020.