Italia markets closed
  • FTSE MIB

    20.648,85
    +295,87 (+1,45%)
     
  • Dow Jones

    28.725,51
    -500,10 (-1,71%)
     
  • Nasdaq

    10.575,62
    -161,89 (-1,51%)
     
  • Nikkei 225

    25.937,21
    -484,84 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    79,74
    -1,49 (-1,83%)
     
  • BTC-EUR

    19.716,92
    -304,51 (-1,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,49
    +0,06 (+0,01%)
     
  • Oro

    1.668,30
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    0,9801
    -0,0018 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.585,62
    -54,85 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    17.222,83
    +56,96 (+0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.318,20
    +39,16 (+1,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8781
    -0,0041 (-0,46%)
     
  • EUR/CHF

    0,9669
    +0,0095 (+1,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,3549
    +0,0120 (+0,89%)
     

ANALISI - Spread Btp risale con Bce a corto di munizioni, ombrello più ampio da settembre

Il logo Bce a Francoforte

di Antonella Cinelli

ROMA (Reuters) - Il ritorno dello spread Btp-Bund sopra 220 punti potrebbe fornire un test significativo di cosa accadrebbe con il montare del nervosismo dei mercati in concomitanza con le elezioni senza una adeguata copertura della Bce.

"La Bce ad agosto ha meno munizioni da sparare" e questo spiegherebbe in parte il recente allargamento dello spread, dice Antonio Cesarano, chief global strategist di Intermonte.

"Se guardiamo al Pspp, a luglio c'erano 22,5 miliardi in scadenza, ad agosto solo circa 5".

Anche gli analisti di Citi sottolineano come ad agosto il sostegno limitato dei reinvestimenti in ambito Pepp stia contribuendo alla pressione sui Btp.

Così con l'ombrello Bce semichiuso, il "falco" Isabel Schnabel che spinge per un altro consistente rialzo dei tassi e l'inflazione a livelli record, il rendimento del Btp è tornato sopra 3,40% e lo spread a 225 pb.

Ma da settembre, quando l'Italia potrebbe essere investita dagli scossoni pre e post-elettorali e aver bisogno di maggiore sostegno, che succederà? "La Bce avrà molte scadenze da reinvestire: 34 miliardi il mese prossimo e altrettanti il seguente", ricorda Cesarano.

Francoforte "andrà a reinvestire le scadenze, un elemento importante considerando che, secondo le stime, circa il 30% dei titoli italiani in scadenza è in mano alla Bce", sottolinea Francesco Maria Di Bella, strategist di UniCredit per il reddito fisso.

E proprio il fatto che lo spread si stia mantenendo su livelli tutto sommato contenuti "conferma che ci sono sì elementi di rischio ma che il debito 'monstre' è sotto controllo", aggiunge Di Bella.

In generale gli analisti ritengono quindi che la Bce non consentirà un allargamento eccessivo dello spread, il cui livello di guardia potrebbe essere in area 300 secondo UniCredit.

RECESSIONE

Ma potrebbe non andare tutto così liscio. I reinvestimenti della Bce a favore dell'Italia, secondo uno strategist che non vuole essere citato, potrebbero dover essere ribilanciati a causa del deterioramento della situazione economica nel blocco, con la crisi energetica destinata ad aggravarsi e in assenza di spiragli di soluzioni per la guerra ucraina.

"Vendere Bund per acquistare Btp, con una Germania che rischia di entrare in recessione, non sarà sostenibile sul lungo periodo", dice lo strategist.

Se così fosse, con un ombrello Bce ristretto, l'esposizione all'incognita politica potrebbe preoccupare di più.

"Non è ancora chiaro se un governo di centrodestra manterrà un approccio costruttivo con l'Ue" sia in materia di bilancio che di Pnrr, sottolineano in un report gli analisti di Oxford Economics, scettici sulla possibilità che la coalizione data per favorita, una volta a Palazzo Chigi, implementi le riforme necessarie al Paese.

In questa situazione, con l'incertezza destinata a crescere, è probabile che il Tesoro "decida di mettere un po' di fieno in cascina presentandosi sul mercato con un sindacato a inizio settembre, in un contesto al momento tutto sommato favorevole", spiega lo strategist.

(Antonella Cinelli, editing Stefano Bernabei)