Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.002,51
    +42,51 (+0,14%)
     
  • Nasdaq

    13.660,08
    +24,08 (+0,18%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,18
    -276,11 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0022 (+0,18%)
     
  • BTC-EUR

    26.428,93
    +41,94 (+0,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    648,90
    +1,58 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    29.391,26
    -767,75 (-2,55%)
     
  • S&P 500

    3.858,49
    +3,13 (+0,08%)
     

Anche Enel risucchiata nel vortice di vendite a Piazza Affari, analisti guardano a maxi-plusvalenza da cessione OP

Titta Ferraro
·1 minuto per la lettura

Giornata difficile a Piazza Affari anche per Enel che cede il 4% circa a 7,834 euro, sottoperformando rispetto al -3,2% del Ftse Mib. Sui mercati torna a prevalere la cautela dopo il rally quasi ininterrotto dell'ultimo mese e mezzo. A far scattare le vendite sono in modo particolare i timori per la variante britannica del Covid-19 che potrebbe portare ad ulteriori lockdown a livello globale. Enel intanto settimana scorsa ha dato il via al percorso verso la cessione di almeno il 40% in Open Fiber al fondo Macquarie. Come riportato da Il Sole 24 Ore, Enel dovrebbe inviare entro fine anno la comunicazione per l'avvio dell`eventuale esercizio del diritto di prelazione da parte di Cdp sulla quota Open Fiber. E Cdp dovrebbe esprimersi entro 30 giorni. Cdp potrebbe anche decidere di acquistare l'intero pacchetto o solo 10% da Enel, oppure analizzare la combinazione di Macquarie nella futura rete unica con Telecom. "La cessione del pacchetto OF a Macquarie è un elemento positivo per Enel che con un capital gain di 1,5-2 mld di euro ha un buffer significativo per sostenere il piano industriale nei prossimi anni", commenta oggi Equita SIM.