Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.977,70
    +100,73 (+0,30%)
     
  • Nasdaq

    14.254,82
    +113,34 (+0,80%)
     
  • Nikkei 225

    28.884,13
    +873,20 (+3,12%)
     
  • EUR/USD

    1,1949
    +0,0024 (+0,20%)
     
  • BTC-EUR

    27.242,70
    -70,72 (-0,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    776,71
    -17,61 (-2,22%)
     
  • HANG SENG

    28.309,76
    -179,24 (-0,63%)
     
  • S&P 500

    4.249,31
    +24,52 (+0,58%)
     

Anche stavolta la Germania c'è sui migranti: "Italia non sola"

·Special correspondent on European affairs and political editor
·2 minuto per la lettura
BERLIN, GERMANY - MAY 08: German Chancellor Angela Merkel puts on her protective face mask after speaking to the media following a virtual meeting of the European Council and an EU summit with India during the coronavirus pandemic on May 8, 2021 in Berlin, Germany. Central to the meetings, which included India's Prime Minister Narendra Modi, were the resumption of free trade talks with India. (Photo by Steffi Loos/Getty Images) (Photo: Steffi Loos via Getty Images)
BERLIN, GERMANY - MAY 08: German Chancellor Angela Merkel puts on her protective face mask after speaking to the media following a virtual meeting of the European Council and an EU summit with India during the coronavirus pandemic on May 8, 2021 in Berlin, Germany. Central to the meetings, which included India's Prime Minister Narendra Modi, were the resumption of free trade talks with India. (Photo by Steffi Loos/Getty Images) (Photo: Steffi Loos via Getty Images)

A tre giorni dal weekend che ha segnato il “picco” degli arrivi di migranti sulle coste italiane dall’inizio dell’anno, Mario Draghi decide di presentarsi di persona al question time della Camera, dove parla anche di riaperture e turismo, ma dove soprattutto punta a far sapere di essere attivo sul dossier immigrazione. Com’era nel suo stile anche quando era capo della Bce, Draghi tende a parlare solo in occasioni pubbliche e ufficiali, mai a margine, non gli piacciono i retroscena giornalistici. E allora alla Camera, iniziativa rara per un premier, il capo del governo annuncia di aver intrapreso un dialogo con “Germania e Francia per rivitalizzare il Patto di Malta”, l’accordo siglato nel 2019 con questi Stati europei sull’accoglienza.

Poco dopo, il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, al termine dell’incontro con Luigi Di Maio, dice che “l’Italia non può essere e non deve essere lasciata da sola”. Insomma, anche stavolta la Germania c’è, pare. E, si apprende da fonti di Bruxelles dove la Commissione Europea sta facendo da tramite per i contatti tra gli Stati, anche Emmanuel Macron è disponibile, ma meno esplicito per ragioni interne. Angela Merkel soffre la concorrenza dei Verdi in vista delle elezioni di settembre. Il capo dell’Eliseo invece deve vedersela con Marine Le Pen, linea anti-immigrazione come la Lega.

Le parole di Draghi sanno di svolta, sebbene ora si attendano i fatti. Per fare un esempio, in quest’ultimo anno di pandemia è stato possibile ricollocare solo “mille richiedenti protezione”, dicono i dati del Viminale, citati dal premier alla Camera. Ma ad ogni modo, finora il capo del governo non era intervenuto sul nuovo dramma migranti edizione 2021, che si annuncia più pesante dell’anno scorso: siamo già a 12mila arrivi a fronte dei 5mila nei primi 5 mesi del 2020 e del migliaio dello stesso p...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli