Italia markets close in 5 hours 59 minutes
  • FTSE MIB

    22.071,00
    -17,36 (-0,08%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,02 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,68
    +0,41 (+0,78%)
     
  • BTC-EUR

    27.235,05
    -254,67 (-0,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    670,37
    -6,53 (-0,96%)
     
  • Oro

    1.855,20
    -1,00 (-0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2154
    -0,0021 (-0,17%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.593,21
    -9,20 (-0,26%)
     
  • EUR/GBP

    0,8882
    -0,0010 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0778
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,5439
    -0,0059 (-0,38%)
     

Ancma: vendite due ruote elettriche +84%, superata quota 10mila

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 13 gen. (askanews) - Il mercato delle due ruote elettriche chiude il 2020 in positivo, malgrado l'emergenza sanitaria. Secondo le stime di Confindustria Ancma le vendite di eBike sono in crescita del 20% sul 2019, mentre le moto superano complessivamente, per la prima volta in Italia, i 10mila veicoli immatricolati, facendo segnare un +84,5%. La crescita più significativa in termini percentuali del 2020 è quella che interessa il mercato degli scooter con un + 268,8% (6088 unità immatricolate), seguono le moto con + 125,7% (377 veicoli) e i ciclomotori che, con 4378 pezzi chiudono l'anno a + 8,3%. Positivi anche i numeri dei quadricicli che, con 710 veicoli immatricolati, raggiungono un +10,5% sul 2019. Per quanto riguarda invece l'andamento delle biciclette a pedalata assistita, dai primi dati elaborati da Ancma, il desiderio elettrico di sport e mobilità dolce degli italiani si dimostra sempre più forte ed equivarrebbe a oltre 40mila unità in più vendute rispetto l'anno scorso. E proprio di "desiderio di nuova mobilità individuale" ha parlato il responsabile del gruppo veicoli elettrici dell'associazione Gary Fabris, collegandolo "in parte alle necessità emerse dalla pandemia di Covid-19, che hanno esaltato le peculiarità delle due ruote come la fruibilità, il distanziamento, la velocità assicurata negli spostamenti, la facilità di parcheggio e la sostenibilità, soprattutto in ambito urbano". "La crescita del mercato - ha continuato Fabris - dà una propulsione anche un'industria italiana del settore chiamata oggi ad affrontare importanti sfide, che riguardano appunto la sostenibilità e la conversione tecnologica richiesta dalle istituzioni europee e nazionali. Il consolidamento di una filiera d'eccellenza Made in Italy nell'elettrico rappresenta non solo un elemento facilitatore di questo processo, ma può offrire opportunità occupazionali concrete e molto rilevanti, anche in relazione allo sviluppo interessante che l'elettrico sta avendo nei mercati esteri". Uno sviluppo che, dopo le misure governative per il sostegno all'acquisto di moto e bici elettriche e la spinta impressa delle flotte e della mobilità condivisa, potrà avere - secondo Ancma - un ulteriore impulso grazie al rinnovo dell'ecobonus per moto, scooter, ciclomotori, tricicli e quadricicli a trazione elettrica, che prevede uno stanziamento di 150 milioni di euro fino al 2026.