Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.930,52
    +116,26 (+0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.197,18
    +198,68 (+1,53%)
     
  • Nikkei 225

    28.633,46
    +391,25 (+1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2130
    +0,0047 (+0,39%)
     
  • BTC-EUR

    30.159,66
    -13,33 (-0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    726,66
    +11,47 (+1,60%)
     
  • HANG SENG

    29.642,28
    +779,51 (+2,70%)
     
  • S&P 500

    3.798,91
    +30,66 (+0,81%)
     

Anja Rubik sulla copertina di Vogue Polonia per il diritto all'aborto

Silvia Renda
·Collaboratrice Social News
·1 minuto per la lettura
Anja Rubik sulla copertina di Vogue Polonia per il diritto all'aborto

Vogue Polonia ha preso una posizione chiara. Nel suo ultimo numero, la rivista si schiera per il diritto all’aborto alle donne. Lo fa ospitando in copertina la modella e attivista Anja Rubik, che posa con le mani legate e il corpo avvolto in un drappo rosso. Sul volto è disegnato un fulmine dello stesso colore, il simbolo delle proteste che stanno animando il paese.

Il 22 ottobre la Corte costituzionale ha stabilito che l’aborto di feti con difetti congeniti è una violazione. Gli aborti sarebbero dunque consentiti solo in caso di pericolo di vita e se la gravidanza è frutto di stupro o incesto. La sentenza ha scatenato proteste nella nazione. All’inizio del mese a Varsavia oltre 100mila persone hanno manifestato, spingendo il governo a ritardare la pubblicazione e l’attuazione della sentenza della corte.

“Il potere della donna” scrive Vogue in grassetto bianco sulla sua copertina del mese di dicembre. “Tutto ciò che riguarda le donne polacche ci riguarda. È stato così sin dal primo numero e sarà sempre vero” ha aggiunto in una dichiarazione condivisa su Instagram.

“Questo lavoro è uno de più importanti e personali della mia carriera perché il diritto di scelta per una donna rappresenta il banco di prova di una società progressista e sana”, scrive su Instagram Anja Rubik, condividendo la copertina di Vogue che la vede protagonista, “Il Governo sta reprimendo le donne vietando loro l’aborto e limitando i loro diritti riproduttivi. I diritti riproduttivi sono diritti umani, garantiscono la libertà di decidere della propria vita, del proprio corpo, della propria salute e del proprio destino”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.