Italia markets close in 4 hours 8 minutes
  • FTSE MIB

    22.304,52
    +103,08 (+0,46%)
     
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,54
    -0,17 (-0,37%)
     
  • BTC-EUR

    14.150,27
    -262,29 (-1,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    329,97
    -40,55 (-10,94%)
     
  • Oro

    1.809,40
    -1,80 (-0,10%)
     
  • EUR/USD

    1,1918
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.525,23
    +14,29 (+0,41%)
     
  • EUR/GBP

    0,8946
    +0,0030 (+0,34%)
     
  • EUR/CHF

    1,0821
    +0,0024 (+0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,5493
    -0,0009 (-0,06%)
     

Il realismo di Anthony Fauci: "Solo a fine 2021 saremo al sicuro. Sbagliato creare troppe aspettative"

Giulia Belardelli
·Giornalista, HuffPost
·1 minuto per la lettura
(Photo: POOL New / Reuters)
(Photo: POOL New / Reuters)

“Non siamo lontani: un vaccino efficace potrebbe esserci già tra fine novembre e dicembre. Ma non sarà distribuito prima del 2021”, “potremo dirci al sicuro, spero, prima del prossimo Natale: quello del 2021, intendo”. Lo ha dichiarato Anthony Fauci, capo dell’Istituto nazionale per la prevenzione delle malattie infettive statunitense, in un’intervista a Repubblica.

“Gli scienziati stanno facendo un lavoro straordinario. I loro studi sul Covid ci hanno già sorpreso e ci sorprendano ancora. Ma per tornare alla normalità serve tempo. È vero, gli studi sono a ottimo punto. Cinque vaccini supportati dagli Stati Uniti sono nella fase finale della sperimentazione e già due stanno dando ottimi risultati. Entro la fine del 2020 avremo risposte precise e in previsione di quei risultati positivi si stanno già producendo dosi. Sì, forse sarà possibile vaccinare qualcuno prima di fine anno. Ma per i grandi numeri c’è da aspettare”, ha dichiarato.

“Se avremo un vaccino efficace entro dicembre, saremo in grado di distribuire le prime dosi a inizio 2021, ma non basterà per tutti prima di marzo-aprile”, ha proseguito l’esperto di malattie infettive.

“Quasi certamente - inoltre - servirà poi un richiamo il mese dopo. E comunque i primi a riceverle saranno le categorie più a rischio, operatori sanitari e anziani. E soprattutto: è sbagliato creare troppe aspettative. A furia di annunciare vaccini dietro l’angolo rischiamo di deludere la gente. Se creiamo diffidenza meno persone saranno disposte a prenderlo. Dobbiamo fare le cose coi tempi giusti, perseverando con mascherine e distanziamento sociale almeno fin dopo la prossima estate. Sono cautamente ottimista sull’autunno: potremo finalmente viaggiare. Ne approfitterò per tornare a visitare l’Italia”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.