Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.586,88
    -58,96 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    32.803,47
    +76,65 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    12.657,55
    -63,03 (-0,50%)
     
  • Nikkei 225

    28.175,87
    +243,67 (+0,87%)
     
  • Petrolio

    88,53
    -0,01 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    22.679,22
    -219,27 (-0,96%)
     
  • CMC Crypto 200

    533,20
    -2,02 (-0,38%)
     
  • Oro

    1.792,40
    -14,50 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0187
    -0,0063 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    4.145,19
    -6,75 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    20.201,94
    +27,90 (+0,14%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.725,39
    -29,21 (-0,78%)
     
  • EUR/GBP

    0,8431
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CHF

    0,9789
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3164
    -0,0018 (-0,13%)
     

Aperitivi e dollaro spingono le vendite di Campari: in I sem +25,6%

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 27 lug. (askanews) - Il primo semestre di Campari è all'insegna di una "forte crescita" grazie allo "slancio positivo" degli aperitivi e al cambio euro-dollaro favorevole. Nel periodo il gruppo ha registrato vendite pari a 1,25 miliardi, in crescita del 25,6% mentre l'utile rettificato è salito del 40,4% a 220,2 milioni. Una crescita possibile sottolinea il gruppo in una nota, "nonostante la base di confronto sfavorevole, grazie allo slancio positivo degli aperitivi che ha creato un effetto mix positivo" insieme al rafforzamento del dollaro statunitense che ha avuto un impatto positivo sulle vendite (+6,9%) e sull'Ebit-rettificato (+11,1%). L'Ebitda-rettificato è stato pari a 353 milioni di euro, il 28,1% delle vendite, con una variazione totale del +34,9%. La crescita organica è stata pari a +24,7% rispetto al primo semestre del 2021. Il debito finanziario netto è stato di 1 miliardo al 30 giugno 2022, in aumento di 174,1 milioni rispetto al livello del 31 dicembre 2021.

E' la distribuzione geografica delle vendite che ci dà la fotografia dei consumi e di come questi sono cambiati in questi mesi. L'area Sud Europa, Medio Oriente e Africa (che pesa il 30% sul totale vendite del gruppo) è cresciuta del +28,1%, Il mercato principale nell'area, l'Italia, è cresciuto del 29,6%, con i trend positivi che sono continuati nel secondo trimestre grazie alla continua 'revenge conviviality' nel canale on-premise (Horeca), amplificata dalle condizioni climatiche molto favorevoli. Il portafoglio degli aperitivi ha registrato una forte crescita grazie ad Aperol (+35,4%), Campari (+48,1%), e Crodino (+33,5%). Anche gli amari hanno registrato una forte crescita. La Francia è cresciuta del +4,9%, nel contesto di una base di confronto sfavorevole, principalmente grazie ad Aperol e Riccadonna. Gli altri mercati della regione hanno registrato una performance positiva principalmente grazie alla ripresa del canale on-premise. Il Global travel retail è cresciuto del +110,7% con la ripresa dei viaggi internazionali, tornando sostanzialmente ai livelli di pre-pandemia.

Nell'area Americhe (primo mercato col 44% del totale) le vendite sono cresciute a livello organico del 12,9%. Il mercato più importante per il gruppo, gli Stati Uniti, è cresciuto del 7,1% grazie alla continuata crescita dei brand principali, con una leggera accelerazione nel secondo trimestre nonostante la base di confronto sfavorevole. L'area Nord, Centro ed Est Europa (19% del totale) ha registrato una crescita organica del 24,8% con la Germania che ha registrato una crescita molto forte del +34,8%, con continuata sovraperformance nel secondo trimestre grazie al sostenuto consumo a casa così come nel canale on-premise, e a condizioni meteo favorevoli. La crescita è stata ottenuta principalmente grazie allo slancio positivo degli aperitivi, incluso Aperol Spritz ready-to-enjoy. Il Regno Unito è cresciuto del +18,5% principalmente grazie ad Aperol e Magnum Tonic. Gli altri mercati della regione hanno mostrato un andamento positivo, grazie principalmente agli aperitivi, incluso Crodino, che continua ad aumentare la propria presenza internazionale.

Le vendite nell'area Asia-Pacifico (7% del totale) sono cresciute a livello organico del 7,8%. L'Australia è cresciuta del 2,1% nonostante un secondo trimestre lievemente negativo per effetto di condizioni climatiche molto avverse e difficoltà logistiche nelle spedizioni transoceaniche che hanno influenzato soprattutto la disponibilità sul mercato di Wild Turkey RTD. Il risultato positivo è stato ottenuto principalmente grazie a Campari e Wild Turkey bourbon. Gli altri mercati dell'area hanno mostrato una crescita positiva (+19,0%), in particolare la Corea del Sud (+124,7%). La Cina ha registrato un andamento in calo, a causa dei temporanei lockdown frutto della strategia 'zero Covid', mentre il Giappone è in calo a causa di phasing nelle spedizioni.

"Abbiamo registrato una performance molto positiva nel primo semestre, in particolare il portafoglio ad alta marginalità degli aperitivi nei mercati Europei, grazie a una dinamica molto positiva dei brand, e alla forte ripresa del canale on-premise - ha commentato Bob Kunze-Concewitz, chief executive officer - La performance positiva è stata amplificata anche dalle condizioni climatiche molto favorevoli e dagli aumenti di prezzo".

Per il resto del 2022, "nonostante la volatilità e l'incertezza permangano a causa della pandemia e delle tensioni geopolitiche in corso - ha proseguito il ceo - rimaniamo fiduciosi rispetto alle dinamiche positive del business per i nostri principali brand e mercati. Mentre ci aspettiamo che l'andamento degli ordini di vendita rifletta temporanei vincoli a livello di supply chain, ci aspettiamo di mitigare parzialmente il mix di vendite meno favorevole e l'atteso intensificarsi delle pressioni inflazionistiche sui costi dei materiali, accentuate dai costi della logistica, attraverso adeguati aumenti di prezzo pianificati ed efficienze operative. Confermiamo la nostra guidance di margine EBIT-rettificato stabile sulle vendite nette a livello organico nel 2022 su base annuale". Riguardo all'effetto cambio, "ci aspettiamo - ha detto - che il contributo positivo guidato dal dollaro statunitense continui. Nel medio periodo, nonostante permangano le sfide attuali, ci aspettiamo di continuare a beneficiare dei trend positivi nelle preferenze di consumo che favoriscono il nostro portafoglio grazie all'esposizione a categorie di spirits sovraperformanti e al pricing power e alla forza dei brand".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli