Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,95 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,77 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    110,35
    +0,46 (+0,42%)
     
  • BTC-EUR

    27.770,04
    -79,36 (-0,28%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,90 (+0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0562
    -0,0026 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8442
    -0,0039 (-0,46%)
     
  • EUR/CHF

    1,0288
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3556
    -0,0013 (-0,09%)
     

Appalti: Dinoi (Aepi), 'in Dl aiuti nessuna concreta soluzione su sblocco cantieri'

(Adnkronos) - "Se non è una follia sembra almeno una grande presa in giro. Il Governo Draghi avrebbe dovuto risolvere il problema che ha bloccato i cantieri in tutta Italia causando enormi difficoltà a professionisti, imprese edili e clienti, quello del blocco della cessione dei crediti . Invece per ora, nel decreto 'aiuti', l'unica certezza è la proroga del termine intermedio del 30% per gli interventi Superbonus sulle abitazioni unifamiliari al 30 settembre. Una proroga inutile se le aziende non saranno messe in grado di vendere i crediti bloccati nei cassetti fiscali». Così Mino Dinoi, presidente della Confederazione Aepi, Associazioni Europee di Professionisti e Imprese.

"La situazione si è complicata a partire dal decreto anti-frodi. Poi la decisione di permettere una sola cessione libera e 2 tra istituti bancari ha completamente bloccato il mercato dei crediti. La quarta cessione, in seguito inserita, possibile solo verso i correntisti delle banche non è risolutiva perché i crediti non possono essere "spezzettati" e i correntisti fiscalmente capienti, che possono comprare crediti interi, magari del valore di decine o centinaia di migliaia di euro annui, sono pochissimi", prosegue Dinoi.

"Il governo si è intestardito sulla strada di limitare la circolazione dei crediti tra istituti bancari, ma le banche non hanno la capienza per assorbirne. A conferma di ciò, notizie di stampa riportano che, da settimane, i principali istituti di credito hanno rallentato o addirittura bloccato l’acquisto di nuovi crediti fiscali proprio per il raggiungimento della soglia di capienza fiscale", aggiunge. "L'unica strada - conclude Dinoi- è riaprire ad una cessione, anche spezzettata, verso le aziende. Se il Governo volesse, potrebbe far muovere i colossi statali, da Cdp a Poste, passando per le tante altre grandi aziende in cui ha una partecipazione. Sarebbe il segnale che clienti, professionisti e operatori del settore attendono".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli