Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.303,17
    -633,83 (-2,05%)
     
  • Nasdaq

    13.270,60
    -355,47 (-2,61%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,01 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,2115
    -0,0053 (-0,44%)
     
  • BTC-EUR

    25.183,55
    -1.559,08 (-5,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    615,09
    -24,83 (-3,88%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,77 (-0,32%)
     
  • S&P 500

    3.750,77
    -98,85 (-2,57%)
     

Appalti, Rebecchini (Acer): "Dl semplificazioni non risolve problemi a monte"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Lo abbiamo chiaramente espresso durante tutta la fase di conversione del decreto. Il decreto Semplificazioni non interviene sulle fasi a monte delle procedure di gara. Interviene solo nelle fasi diciamo di espressione pubblica delle gare d'appalto. I veri problemi sono a monte: per arrivare a bandire una gara d'appalto, da 10 milioni in su, ci vogliono anche 8-9 anni: questi erano i tempi che si dovevano ridurre". Ad affermarlo in un'intervista all'Adnkronos è il presidente di Acer, Nicolò Rebecchini in merito al dl semplificazioni.

Con il provvedimento, invece di puntare a ridurre i tempi della procedura, sottolinea Rebecchini, "siamo andati a intervenire sulle modalità di espressione pubblica delle gare d'appalto, siamo andati addirittura a ledere e a mettere a rischio la concorrenza". Infatti, rileva il presidente di Ance Roma, "in questo momento non c'è più la necessità di pubblicare in Gazzetta Ufficiale le gare d'appalto e ora gli enti potranno avere i propri albi di fiducia: solo chi appartiene a questi albi di fiducia parteciperà alle gare. E' una situazione gravissima e pericolosa. Abbiamo visti quanti disastri sono avvenuti nel passati. Noi su questo continueremo a denunciare un modalità che non solo ledono alla concorrenza ma sono pericolosi per gli effetti che provocheranno in futuro", aggiunge Rebecchini.