Italia markets close in 4 hours 30 minutes
  • FTSE MIB

    21.791,71
    -309,52 (-1,40%)
     
  • Dow Jones

    30.946,99
    -491,31 (-1,56%)
     
  • Nasdaq

    11.181,54
    -343,06 (-2,98%)
     
  • Nikkei 225

    26.804,60
    -244,87 (-0,91%)
     
  • Petrolio

    112,61
    +0,85 (+0,76%)
     
  • BTC-EUR

    19.098,31
    -1.027,96 (-5,11%)
     
  • CMC Crypto 200

    434,91
    -15,16 (-3,37%)
     
  • Oro

    1.825,70
    +4,50 (+0,25%)
     
  • EUR/USD

    1,0530
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    3.821,55
    -78,56 (-2,01%)
     
  • HANG SENG

    21.996,89
    -422,08 (-1,88%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.501,86
    -47,43 (-1,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8656
    +0,0030 (+0,35%)
     
  • EUR/CHF

    1,0007
    -0,0109 (-1,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,3543
    -0,0080 (-0,59%)
     

Apple scorpora la divisione “buy now pay later”

Apple scorpora la divisione “buy now pay later”
Apple scorpora la divisione “buy now pay later”


Apple Inc (NASDAQ:AAPL) ha effettuato lo spin-off di una consociata interamente controllata per gestire i prestiti del suo servizio "buy now pay later" introdotto di recente.

Cosa è successo

Apple Financing LLC ha acquisito licenze di prestito a livello statale negli USA e funzionerà indipendentemente da Apple per facilitare il nuovo servizio "buy now pay later", ha riferito Apple Insider, che cita un report di Bloomberg.

Questo segna l'incursione di Apple nell'incorporazione dei prestiti e delle valutazioni creditizie e di altre attività finanziarie all’interno della società, secondo il report.

In base a quanto emerso, Apple starebbe indirizzando i servizi finanziari in un'iniziativa segreta denominata internamente "Breakout"; l’iniziativa potrebbe anche sostenere un servizio in abbonamento che potrebbe alimentare gli acquisti di hardware.

Leggi anche: Apple, Tim Cook teme la graduale erosione della privacy

Perché è importante

Apple farà affidamento su due flussi di cassa: il primo sarà rappresentato dall'acquisto più semplice dei dispositivi Apple da parte dei clienti tramite il servizio “buy now pay later” invece delle tradizionali carte di credito; il secondo sarà costituito dalle commissioni di transazioni del servizio per gli esercenti, ha osservato Apple Insider.

Non c’è ancora chiarezza sul contenuto di queste commissioni a carico degli esercenti e se saranno simili alle commissioni sulle carte di credito.

A marzo 2019 il gigante di Cupertino ha presentato la sua Apple Card in collaborazione con Goldman Sachs (NYSE:GS) e Mastercard (NYSE:MA).

In precedenza Apple ha offerto il servizio “buy now pay later” anche in Canada attraverso una partnership con Affirm Holdings Inc (NASDAQ:AFRM).

Movimento dei prezzi

Le azioni Apple hanno chiuso la sessione regolare di mercoledì quasi invariate a 147,92 dollari e in after-market hanno poi ceduto lo 0,5%. Dati di Benzinga Pro.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.

Continua a leggere su Benzinga Italia

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli