Italia markets close in 1 hour 49 minutes
  • FTSE MIB

    24.609,25
    -12,47 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.239,45
    -190,43 (-0,55%)
     
  • Nasdaq

    11.406,11
    -55,38 (-0,48%)
     
  • Nikkei 225

    27.820,40
    +42,50 (+0,15%)
     
  • Petrolio

    82,35
    +2,37 (+2,96%)
     
  • BTC-EUR

    16.314,58
    +141,47 (+0,87%)
     
  • CMC Crypto 200

    408,09
    -3,13 (-0,76%)
     
  • Oro

    1.802,30
    -7,30 (-0,40%)
     
  • EUR/USD

    1,0564
    +0,0033 (+0,32%)
     
  • S&P 500

    4.047,38
    -24,32 (-0,60%)
     
  • HANG SENG

    19.518,29
    +842,94 (+4,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.958,78
    -19,12 (-0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8615
    +0,0042 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    0,9906
    +0,0039 (+0,39%)
     
  • EUR/CAD

    1,4194
    +0,0008 (+0,06%)
     

Arabia Saudita guarda ad aumento produzione Opec+ - Wsj

Il logo dell'Opec a Vienna

(Reuters) - L'Arabia Saudita e gli altri produttori di petrolio dell'Opec stanno discutendo di un aumento della produzione.

É quanto ha riportato il Wall Street Journal, che ha citato delegati del gruppo, rimasti anonimi.

Un incremento fino a 500.000 barili al giorno è ora in discussione in vista della riunione dell'Opec+ del 4 dicembre, secondo il rapporto.

L'ipotesi di un aumento della produzione è emersa dopo che l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto a un giudice federale che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman dovrebbe godere dell'immunità sovrana in una causa federale statunitense relativa all'uccisione del giornalista saudita Jamal Khashoggi.

La decisione sull'immunità equivale a una concessione al principe Mohammed, che rafforza la sua posizione di governante de facto del regno dopo che l'amministrazione Biden ha cercato per mesi di isolarlo, secondo quanto riferito dal Wall Street Journal.

Il mese scorso l'Opec ha deciso inaspettatamente di ridurre drasticamente gli obiettivi di produzione.

Il prezzo del petrolio è sceso a meno di 84 dollari al barile nelle ultime due settimane.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)