Italia markets open in 6 hours 10 minutes
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.519,59
    -122,24 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1867
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    32.291,12
    -1.435,37 (-4,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    935,13
    -8,31 (-0,88%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     

Ardea, killer uscito con guanti e pistola: ha sparato a chi aveva davanti

·1 minuto per la lettura

L'assassino di Ardea, autore della sparatoria di ieri in cui hanno perso la vita due bambini e un anziano, ha percorso il viale che da casa sua porta al parchetto di via degli Astri, indossando guanti, una felpa e uno zainetto, poi con la pistola in pugno ha mirato e sparato alle prime persone che si è trovato davanti, i due bimbi di 5 e 10 anni e l’anziano 74enne. Così ha agito Andrea Pignani, 34 anni, che poi si è barricato in casa e si è suicidato, secondo quanto ricostruito dalle indagini dei carabinieri.

"Non abbiamo mai trovato la pistola”, quanto intanto avrebbero detto i familiari di Pignani, spiegando ai carabinieri il motivo per cui non avevano denunciato la pistola in casa dopo la morte del padre del killer. L'uomo era stato una guardia giurata e la pistola era regolarmente detenuta dal padre di Pignani. Sul caso indagano i carabinieri.

Intanto da fonti investigative appare confermato che nessuna denuncia o esposto erano stati presentati in merito a presunte minacce passate di Pignani nei confronti dei residenti del comprensorio di Ardea. A quanto ricostruito finora, non c’erano state liti tra Pignani e il papà dei bambini uccisi, che non si conoscevano.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli