Italia markets open in 5 hours 3 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.581,98
    +416,39 (+1,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1909
    +0,0013 (+0,11%)
     
  • BTC-EUR

    15.898,00
    -128,98 (-0,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    375,48
    +5,73 (+1,55%)
     
  • HANG SENG

    26.912,30
    +324,10 (+1,22%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Arera, Fanelli: "Autorità esempio di indipendenza e autorevolezza"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Credo che l’autorità sia un esempio, anche guardando il panorama delle altre autorità, di come si possa svolgere un ruolo in maniera indipendente e autorevole. Credo che tutte le consiliature abbiano mantenuto queste caratteristiche, compresa quest’ultima, nonostante l’ampliamento dei compiti e la complessità delle materie". È quanto afferma all’Adnkronos Tullio Fanelli, ex commissario dell’Autorità per l'Energia elettrica e il gas, dal dicembre 2003 al febbraio 2011, ed ex sottosegretario all'Ambiente nel Governo Monti, nel commentare i 25 anni dell’autorità di regolazione per energia reti e ambiente.

"Credo che, anche considerando le varie difficoltà che ci sono state nei rapporti con i vari governi e con lo stato dell’energia, dell’acqua e dei rifiuti che in Italia sono in una situazione estremamente complicata, l’autorità si sia fatta valere e abbia dato un contributo molto importante", prosegue Fanelli.

"L’allargamento delle competenze potrà essere un ulteriore sviluppo per l’Arera – aggiunge ancora Fanelli - bisognerà avere la pazienza di aspettare gli effetti del ruolo dell’autorità e considerare anche la possibilità di aiutare il compito con interventi legislativi che ne definiscano meglio e in maniera più compiuta il ruolo".

“Per esempio, nel campo dei rifiuti le competenze sono molteplici sul territorio, gli operatori sono innumerevoli e non sempre c’è la volontà politica di riuscire a demandare a un soggetto terzo e indipendente quelle che sono le decisioni su come far sviluppare il settore. Tuttavia in certi casi, come avvenuto per l’acqua, il fatto di demandare a un soggetto terzo rispetto alla politica non può che fare bene al settore stesso”, conclude Fanelli.