Italia markets open in 1 hour 26 minutes
  • Dow Jones

    33.730,89
    +53,62 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.857,84
    -138,26 (-0,99%)
     
  • Nikkei 225

    29.645,50
    +24,51 (+0,08%)
     
  • EUR/USD

    1,1977
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    52.499,97
    -1.061,00 (-1,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.370,84
    -4,93 (-0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.633,70
    -267,13 (-0,92%)
     
  • S&P 500

    4.124,66
    -16,93 (-0,41%)
     

Arezzo, aggredisce il padre: soccorso durante il tentativo di suicidio

·1 minuto per la lettura
accoltella padre tenta suicidio salvato
accoltella padre tenta suicidio salvato

Una vicenda dai contorni drammatici che non si è consumata in tragedia. È avvenuto in provincia di Arezzo dove un uomo ha accoltellato il padre con lui convivente. Il figlio avrebbe poi in seguito tentato di togliersi la vita, un’azione che è stata poi bloccata dal genitore ferito che ha salvato il figlio tagliando la corda usata per impiccarsi. Stando a quanto appreso l’episodio avvenuto non sarebbe altro che uno di una lunga serie di violenze perpetrate in ambito domestico. L’uomo si trovava agli arresti domiciliari per aver tentato di uccidere un familiare. Soffriva inoltre di alcolismo.

Accoltella il padre e tenta il suicidio: salvato

Sarebbe potuto finire in tragedia l’accoltellamento di un uomo anziano che è stato aggredito dal figlio convivente che ha poi tentato di togliersi la vita venendo infine salvato dal padre anziano. La vicenda che ha avuto luogo a Sansepolcro in provincia di Arezzo si è poi conclusa con l’appello dei soccorsi e delle Forze dell’ordine da parte del genitore. Entrambi, padre e figlio sono stati ricoverati.

Il padre ad ogni modo non sarebbe in pericolo di vita. L’anziano sarebbe stato infatti dimesso dopo aver ricevuto le medicazioni. Grave invece lo stato di salute del figlio che avrebbe riportato un politrauma al cranio. Il figlio che soffre di alcolismo e si trova già agli arresti domiciliari per precedenti sempre in ambito familiare, dovrà rispondere alla legge di maltrattamenti familiari e lesioni aggravate.