Italia markets close in 3 hours 11 minutes
  • FTSE MIB

    25.862,76
    -101,17 (-0,39%)
     
  • Dow Jones

    34.751,32
    -63,07 (-0,18%)
     
  • Nasdaq

    15.181,92
    +20,39 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,71 (+0,58%)
     
  • Petrolio

    72,21
    -0,40 (-0,55%)
     
  • BTC-EUR

    40.240,22
    -707,59 (-1,73%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.201,22
    -32,07 (-2,60%)
     
  • Oro

    1.758,60
    +1,90 (+0,11%)
     
  • EUR/USD

    1,1786
    +0,0014 (+0,12%)
     
  • S&P 500

    4.473,75
    -6,95 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,91 (+1,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.158,24
    -11,63 (-0,28%)
     
  • EUR/GBP

    0,8536
    +0,0007 (+0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0929
    +0,0015 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4913
    -0,0010 (-0,07%)
     

Arianespace, doppio successo per Arian 5

·4 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 lug. (askanews) - Sesto successo del 2021 per Arianespace, che ha messo in orbita due satelliti di telecomunicazioni con Ariane 5 per gli operatori Embratel ed Eutelsat. Venerdì 30 luglio, tra le 09:00 e le 10:30 pomeridiane ora Universale, il lanciatore Ariane 5 (volo VA254) ha messo infatti in orbita con successo due satelliti dal Centro Spaziale Guyanese (CSG): Star One D2, costruito da Maxar Technologies per l'operatore brasiliano Embratel, ed EUTELSAT QUANTUM per Eutelsat, sviluppato con Airbus Defence and Space e dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA).

"Con questo nuovo successo di Ariane 5, il primo nel 2021, Arianespace è lieta di continuare il suo servizio a due tra i suoi clienti più fedeli, gli operatori Embratel ed Eutelsat", ha affermato Stéphane Israël, CEO di Arianespace. "Questa missione con due satelliti molto innovativi a bordo, uno costruito da Maxar Technologies e l'altro sviluppato da Airbus Defence and Space ed ESA, ha riconfermato la competitività e l'affidabilità delle nostre soluzioni di lancio al servizio delle ambizioni dei nostri clienti. Ci impegniamo a soddisfarli sempre, con i nostri lanciatori attuali, Ariane 5, Soyuz e Vega, e futuri, Ariane 6 e Vega C".

Star One D2 è un satellite multi-missione ad alta capacità con transponder in bande Ku, Ka, C e X, che gli consentiranno di espandere la copertura della banda larga in nuove regioni dell'America centrale e meridionale e aggiungere un payload aggiornato in banda X per uso governativo sulla regione atlantica. Costruito sulla comprovata piattaforma di classe 1300 di Maxar presso lo stabilimento di produzione dell'azienda a Palo Alto, in California, Star One D2 migliorerà l'accesso a servizi di alta qualità, servendo la flotta parabolica in Brasile, Pay TV, backhaul di telefoni cellulari, dati, video e Internet per clienti aziendali e agenzie governative.

Il satellite EUTELAST QUANTUM è stato sviluppato nell'ambito di un partenariato pubblico-privato tra l'Agenzia spaziale europea (ESA), l'operatore Eutelsat e Airbus Defence and Space. Con il suo design configurabile basato su software, EUTELSAT QUANTUM sarà il primo satellite universale al mondo che può essere ripetutamente adattato alle esigenze del cliente in qualsiasi momento. E' dotato di antenna ricevente orientabile elettronicamente e opera in banda Ku con otto fasci indipendenti riconfigurabili. Questa configurazione consente all'operatore di riconfigurare in orbita i raggi a radiofrequenza sulle zone di copertura, fornendo una flessibilità senza precedenti nei servizi dati, governativi e di mobilità.

Il rapporto tra Arianespace e gli operatori Embratel ed Eutelsat dura da oltre tre decenni e si è solo rafforzato nel tempo. Dal 1985, anno della sua prima missione per Embratel, Arianespace ha lanciato l'intera flotta di 12 satelliti dell'operatore brasiliano. E l'operatore globale Eutelsat ha affidato ad Arianespace il lancio di 36 satelliti dal 1983. Per questo volo le prestazioni richieste all'Ariane 5 erano di 10.515 kg, di cui 9.651 kg per entrambi i carichi utili. Ariane 5 era inoltre dotato di uno stadio criotecnico superiore chiamato ESC-D, i cui serbatoi sono stati estesi per questa missione, con una massa totale dello stadio al decollo di oltre 19 tonnellate.

"Vedere Ariane 5 decollare dal Centro Spaziale della Guyana ha un valore simbolico in un momento in cui l'Europa dà nuova vita alle sue ambizioni spaziali, in particolare in termini di lanciatori", ha affermato André-Hubert Roussel, CEO di ArianeGroup. "Congratulazioni ai team di ArianeGroup e Arianespace e a tutti i nostri partner, che hanno dimostrato ancora una volta la loro notevole professionalità durante una campagna chè si è svolta perfettamente. La robustezza del nostro knowhow contribuirà anche al successo di Ariane 6, il cui modello di volo è in fase di integrazione nei nostri stabilimenti in Francia e Germania".

ArianeGroup è il prime contractor per lo sviluppo e la produzione dei lanciatori Ariane 5 e Ariane 6. L'azienda coordina una rete industriale di oltre 600 aziende (di cui 350 PMI). ArianeGroup supervisiona l'intera catena di fornitura industriale ad Ariane 5, dall'ottimizzazione delle prestazioni e i corrispondenti studi associati alla produzione, dalla fornitura di dati e software specifici per la missione. Questa catena comprende attrezzature e strutture, produzione del motore, integrazione delle varie fasi e integrazione del lanciatore nella Guyana francese. ArianeGroup consegna un lanciatore pronto per il volo sulla rampa di lancio alla sua controllata Arianespace, che opera il volo dal decollo, per conto dei suoi clienti.

Ariane 5 è un programma dell'Agenzia spaziale europea (ESA), realizzato in collaborazione tra istituzioni pubbliche e industria. Commercializzati e gestiti da Arianespace, i lanci di Ariane 5 avvengono dal Centro Spaziale Guyanese di Kourou, con il supporto di squadre del CNES, l'agenzia spaziale francese.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli