Italia markets close in 1 hour 31 minutes
  • FTSE MIB

    24.742,12
    +131,83 (+0,54%)
     
  • Dow Jones

    34.510,36
    -79,41 (-0,23%)
     
  • Nasdaq

    11.528,43
    +60,43 (+0,53%)
     
  • Nikkei 225

    28.226,08
    +257,09 (+0,92%)
     
  • Petrolio

    82,87
    +2,32 (+2,88%)
     
  • BTC-EUR

    16.267,65
    +140,08 (+0,87%)
     
  • CMC Crypto 200

    405,01
    -1,14 (-0,28%)
     
  • Oro

    1.814,80
    +54,90 (+3,12%)
     
  • EUR/USD

    1,0525
    +0,0117 (+1,13%)
     
  • S&P 500

    4.094,66
    +14,55 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    18.736,44
    +139,21 (+0,75%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.983,88
    +19,16 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8564
    -0,0061 (-0,71%)
     
  • EUR/CHF

    0,9868
    +0,0032 (+0,33%)
     
  • EUR/CAD

    1,4129
    +0,0163 (+1,17%)
     

Arresto cardiaco per una 12enne durante un allenamento di pallavolo

Pallavolo
Pallavolo

Una ragazzina di 12 anni è stata ricoverata all’ospedale Civile di Brescia in gravi condizioni dopo aver accusato un malore in palestra durante un allenamento di pallavolo.

Arresto cardiaco per una ragazzina di 12 anni durante l’allenamento di pallavolo

È successo nel pomeriggio di martedì 27 settembre 2022 a Castelcovati, in provincia di Brescia. La ragazzina si è improvvisamente accasciata sul parquet mentre si stava riscaldando prima dell’allenamento con la squadra di pallavolo del paese. La causa del malore è stato un arresto cardiaco.

L’allenatrice è riuscita a mantenere un certo sangue freddo e ha subito avviato le manovre di rianimazione necessarie, usando anche il defibrillatore presente nella struttura sportiva. Il cuore della ragazzina ha così ripreso a battere e poco dopo è arrivata l’ambulanza. Il personale sanitario ha stabilizzato la paziente e l’ha poi portata d’urgenza all’ospedale. Rimangono intatte le speranze di una ripresa integrale della 12enne.

Il precedente del ragazzino di 14 anni morto in seguito a un allenamento di calcio

Poche settimane prima, all’inizio di settembre, a Verolavecchia, sempre in provincia di Brescia, un ragazzino di 14 anni, Filippo Gilberti, era morto cinque giorni dopo aver avuto un arresto cardiaco all’inizio dell’allenamento di calcio, lasciando sconvolta l’intera comunità.