Italia markets close in 1 hour 7 minutes
  • FTSE MIB

    24.533,54
    -66,81 (-0,27%)
     
  • Dow Jones

    33.841,99
    +164,72 (+0,49%)
     
  • Nasdaq

    14.009,38
    +13,29 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    29.620,99
    +82,29 (+0,28%)
     
  • Petrolio

    61,49
    +1,31 (+2,18%)
     
  • BTC-EUR

    52.874,79
    -69,18 (-0,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.364,83
    -10,94 (-0,80%)
     
  • Oro

    1.736,40
    -11,20 (-0,64%)
     
  • EUR/USD

    1,1957
    +0,0003 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.146,75
    +5,16 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    28.900,83
    +403,58 (+1,42%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.980,20
    +13,21 (+0,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8677
    -0,0013 (-0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,1037
    +0,0040 (+0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5007
    +0,0033 (+0,22%)
     

Arrivo Poste Italiane nel retail energia negativo per le utility, ma non disruptive (analisti)

Titta Ferraro
·1 minuto per la lettura

Poste Italiane si prepara a entrare dal prossimo anno nel mercato dell’energia. Il nuovo piano strategico di Poste prevede che l’offerta gas ed elettricità sarà 100% green con l’obiettivo è raggiungere 0,2 milioni di clienti nell’anno del lancio, 1,1 milioni di clienti nel 2024 e 1,5 milioni nel 2025. Il break-even di questa nuova attività è previsto nel 2024 con ebit positivo l’anno successivo. "Si tratta di un elemento che incrementa la competizione nel settore retail energia ed è quindi negativo, tuttavia riteniamo che l'effetto non sarà disruptive soprattutto nei confronti dei grandi operatori la cui offerta integrata oggi è molto competitiva e diversificata", rimarcano oggi gli esperti di Equita. Le maggiori esposizioni a livello di Ebitda nel business Retail sono oggi per A2a (18%), Acea (7%), Iren (24%) Hera(23%), Enel (retail Italia 12%).