Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.913,52
    -145,00 (-0,41%)
     
  • Nasdaq

    14.718,94
    +58,36 (+0,40%)
     
  • Nikkei 225

    27.581,66
    -388,56 (-1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,1816
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • BTC-EUR

    32.962,20
    +711,54 (+2,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    915,47
    -14,46 (-1,56%)
     
  • HANG SENG

    25.473,88
    +387,45 (+1,54%)
     
  • S&P 500

    4.394,23
    -7,23 (-0,16%)
     

Arzà (Assogasliquidi): "Biomasse non sono soluzione green a riscaldamento"

·2 minuto per la lettura

Le biomasse "sono state presentate come una soluzione green al problema del riscaldamento. Noi abbiamo certamente la responsabilità di aver contribuito ai livelli di emissione, e abbiamo a volte usato un modello di business e di sviluppo anche criticabile, ma il problema ambientale è sociale, non di una lobby di pensiero, e affrontare il problema dell'ambiente in modo serio significa studiare, migliorarsi e risolvere i problemi dell'ambiente. L'Italia, unica in Europa, si esprime a favore della biomassa legnosa come soluzione energetica sostenibile. Noi che non ci siamo mai arresi abbiamo iniziato a studiare con università e istituti di ricerca, in collaborazione con le Arpa: la biomassa ha un effetto negativo non trascurabile e un impatto sulla qualità dell'aria più preoccupante rispetto alle emissioni di CO2 che consente di risparmiare". Così Andrea Arzà, presidente di Assogasliquidi-Federchimica, in occasione dell'assemblea pubblica "Scenari di decarbonizzazione e sostenibilità: il ruolo dei gas liquefatti Gpl e Gnl".

"Quando abbiamo denunciato questo fatto - continua Arzà - eravamo soli, anche se dalla parte nostra avevamo università e ricerca, ma poi è arrivata una condanna dalla Corte Ue per le emissioni e quando con la pandemia abbiamo avuto una riduzione del traffico privato e pubblico di oltre l'80%, i livelli di poveri sottili nelle città e nel bacino padano non si sono abbassati, anzi. Coerentemente con l'aumento dei consumi energetici nelle case è addirittura aumentato".

L’industria italiana del Gpl e Gnl è in grado di garantire un processo di decarbonizzazione che risulti sostenibile sia da un punto di vista ambientale che socio-economico, ma serve un supporto coerente da parte della politica nazionale ed europea. Questo, in sintesi, il messaggio che Assogasliquidi-Federchimica, riunita in assemblea, rivolge al Paese e alle istituzioni nazionali che rappresentano l’Italia anche a livello europeo. “Ci rivolgiamo ai nostri rappresentanti politici nazionali ed europei affinché supportino coerentemente la crescita del Gpl e del Gnl. I segnali che arrivano dalla Commissione Europea non sono positivi", dice Andrea Arzà, presidente di Assogasliquidi-Federchimica.

"Gli aggiornamenti della direttiva Dafi sulla realizzazione delle infrastrutture per i combustibili alternativi e quelli della direttiva Etd sulla 'carbon tax' - aggiunge Arzà - potrebbero subire modifiche tali da non valorizzare correttamente i benefici derivanti dall’impiego dei prodotti gassosi. Questa sarebbe una sconfitta per il nostro Paese perché colpirebbe molte aziende e le circa 28.000 persone che ci lavorano".

"Se, al contrario - continua Arzà - le nostre imprese potessero investire con la sicurezza di non veder poi cambiare la strategia politica, i gas liquefatti accompagnerebbero la transizione energetica e il processo di decarbonizzazione garantendo contemporaneamente la sostenibilità economica e sociale del processo. E gli investimenti pubblici e privati consentirebbero di incrementare la produzione bio e rinnovabile, sino a coprire nel medio-lungo periodo l’intera domanda di prodotti gassosi. BioGpl e BioGnl sono già una realtà che non richiede alcuna trasformazione dei mezzi e dell’infrastruttura che oggi impiegano Gpl e Gnl".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli