Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.612,00
    -349,86 (-1,09%)
     
  • Nasdaq

    13.281,73
    -316,24 (-2,33%)
     
  • Nikkei 225

    30.168,27
    +496,57 (+1,67%)
     
  • EUR/USD

    1,2232
    +0,0064 (+0,53%)
     
  • BTC-EUR

    41.444,51
    +441,16 (+1,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.014,28
    +19,62 (+1,97%)
     
  • HANG SENG

    30.074,17
    +355,93 (+1,20%)
     
  • S&P 500

    3.863,29
    -62,14 (-1,58%)
     

In Asia occhio a Foxconn e Taiwan Semiconductor Manufacturing dopo nuovo record Apple

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Protagonisti in Asia i titoli delle società rifornitrici di Apple, dopo che le quotazioni del colosso di Cupertino hanno testato ieri a Wall Street il record di sempre, nell'attesa dei risultati di bilancio che saranno resi noti domani, mercoledì 27 gennaio. Alla borsa di Tokyo, bene Taiyo Yuden e Murata Manufacturing. A Taiwan, i titoli di Hon Hai Precision Industry - meglio conosciuta come Foxconn — hanno riportato invece un trend negativo, così come Taiwan Semiconductor Manufacturing Company, scivolata del 2,7% circa. Alla borsa di Seoul, LG Display ha riportato un lieve rialzo. Apple ha chiuso la sessione in crescita del 2,8%, al nuovo record di sempre, dopo la nota di Dan Ives di Wedbush, che ha rivisto il target price a 12 mesi sul titolo a $175 dai $144 attuali: "Wall Street sta anticipando risultati solidi e migliori delle attese di Apple – ha scritto in una nota Ives – Sebbene il consensus sia per 220 milioni di iPhone (per il 2021), riteniamo sulla base del trend attuale e nello scenario bullish che Cupertino abbia il potenziale di vendere fino a 240 milioni di unità" di iPhone.