Aspettando il dow - 5/12/2012

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
^NDX3.534,53+1,45
^DJI16.408,54-16,31

Futures positivi oggi a Wall Street in scia al rally dei mercati asiatici. Quando manca circa un’ora all'apertura dei mercati il future sul Dow Jones (DJI: ^DJI - notizie) segna un +0,41%, quello sul Nasdaq (Nasdaq: ^NDX - notizie) un +0,08%, quello sullo S&P500 un +0,31%. Non così bene sta andando la seduta dei mercati europei, che vede Madrid e Milano in negativo mentre le altre piazza si mantengono al di sopra della parità. Il differenziale tra Btp e Bund tedeschi si mantiene in area 300 punti base. Sul fronte macroeconomico, il costo del lavoro statunitense nel terzo trimestre è sceso dell’1,9% trimestrale. Dopo il -0,1% del dato preliminare gli analisti avevano previsto un -0,9%. A novembre le buste paga nel settore privato statunitense sono cresciute di 118 mila unità. È la stima della società privata Adp (Euronext: ADP.NX - notizie) . Il dato era atteso a +125 mila unità. L'indicatore che misura le nuove richieste di mutui ipotecari la scorsa settimana ha fatto registrare un +4,5%. Lo ha annunciato la Mortgage Bankers Association. +6,1% invece per i rifinanziamenti. Nel terzo trimestre la produttività nei settori non agricoli statunitensi ha messo a segno un incremento del 2,9% t/t. Gli analisti avevano previsto un +2,7% e l´indice preliminare aveva fatto registrare un +1,9%. Nel pomeriggio si attendono inoltre le cifre dell’indice ISM non manifatturiero a novembre. "In attesa dei dati americani sui salari non agricoli che chiuderanno la settimana", commentano Michael Hewson (Senior Market Analyst) e Tim Waterer (Senior Trader) di CMC Markets, "dai quali ci si attende una schiarita per quanto riguarda il quadro della ripresa Usa (offuscata dalla delusione per l'indice Ism), gli investitori sembrano non riuscire a dimenticare che il Fiscal Cliff incombe mentre aumentano le probabilità di un accordo last minute. Il pericolo dei tagli automatici alla spesa che si concretizzerebbe in mancanza di una soluzione bipartisan infatti sembra essere a momento la minaccia più grande al rally che i mercati azionari si preparano a correre da qui a fine anno, per quanto vi siano pochissime chance che si possa avverare". Tra le storie societarie del giorno, Facebook diventerà componente dell'indice Nasdaq 100, dell'indice Nasdaq 100 Equal Weighted Index e dell'indice Nasdaq 100 Technology Sector a partire da mercoledì 12 dicembre. Secondo quanto annunciato oggi, il titolo del social network prenderà il posto di Infosys Limited. Ad oggi Facebook ha una capitalizzazione di mercato di circa 29,7 miliardi di dollari. Chiaro progetto di crescita per Starbucks (NasdaqGS: SBUX - notizie) . Il gruppo Usa del caffè ha annunciato oggi il suo programma di sviluppo internazionale, che punta sull'espansione nelle Americhe e in Cina. In particolare, Starbucks prevede l'apertura di 3.000 nuovi store nelle Americhe entro il 2017, mentre la Cina è sulla strada per diventare il suo secondo maggior mercato già nel 2014. Per diversificare, il gruppo ha confermato la sua volontà ad allargare il business in quello del tè attraverso l'acquisizione di Teavana. Ford Motor (Swiss: F.SW - notizie) ha annunciato che a novembre le vendite in Cina hanno fatto registrare un record a 67.505 veicoli, il 56% in più rispetto a un anno prima. La casa statunitense da qui al 2015 punta a immettere 15 nuovi modelli sul mercato cinese. Infine, -17,99% nell’afterhours di Wall Street ieri per il titolo Pandora (Berlino: 11784376.BE - notizie) che ieri dopo la chiusura dei listini ha presentato i numeri del terzo trimestre fiscale e annunciato le stime sul trimestre in corso. La web radio ha chiuso il Q3 con un utile di 2,05 milioni di dollari e ricavi per 120 milioni, dai 638 mila dollari e 75 milioni di un anno fa. Nonostante entrambi i dati siano risultati migliori delle attese, il titolo è stato penalizzato dalle stime sul Q4, che secondo la società si chiuderà con una perdita per azione (al netto delle componenti straordinarie) di 6-9 centesimi e ricavi a 120-123 milioni (consenso +1cent e ricavi per 130,2 milioni).

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito