Aspettando il dow - 9/11/2012

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
HX6.F3,1670,000
COV69,860,02
^DJI16.408,54-16,31
JCP7,500,24

Futures misti per la Borsa di New York (Francoforte: A0DKRK - notizie) . A circa due ore e mezza dall’apertura, il contratto sul Dow Jones (DJI: ^DJI - notizie) cede lo 0,32%, mentre quello sull'S&P500 mostra un calo dello 0,13%. Si muove poco sopra la parità il future sul Nasdaq100 (+0,09%). Oltreoceano gli operatori continuano mantenere lo sguardo fisso sul tema del fiscal cliff, che diventa cruciale ora che l’amministrazione Obama, il cui primo mandato ha prorogato fino a fine anno i bonus del governo Bush, dovrà gestire un passaggio graduale verso gli aumenti fiscali e i tagli alla spesa che dovrebbero scattare automaticamente dal gennaio 2013. Il fiscal cliff è uno dei due grandi rischi per l’economia mondiale, secondo la nota del Fondo monetario internazionale preparata per il G20 dello scorso 4-5 novembre. L’altra è, naturalmente, la crisi dell’Eurozona. Considerazione che non aiuta i mercati del Vecchio continente, che oggi viaggiano in negativo. Costanti invece gli spread, con il differenziale tra Btp e Bund tedeschi che resta sotto i 345 punti base come da qualche giorno a questa parte. Sul fronte dei dati macro americani, nel pomeriggio verrà diffusa la lettura preliminare dei novembre del dato sulla fiducia dei consumatori elaborato dall'Università del Michigan. Secondo le stime elaborate da Bloomberg dovrebbe rimanere pressoché invariato rispetto al precedente rilevazione apri a 82,6 punti. A livello societario, nel pomeriggio sono attesi i conti di Jc Penney (NYSE: JCP - notizie) . Gli occhi saranno puntati anche su Groupon, che ieri nell’afterhours ha ceduto circa il 16% a 3,30 dollari, dopo aver postato un fatturato del terzo trimestre sotto le attese. Il gruppo dei coupon on line ha riportato infatti perdite trimestrali di circa 3 milioni di dollari (meglio rispetto al buco da 54 milioni dello stesso periodo dello scorso anno) su fatturato da circa 569 milioni, ben sotto le stime degli analisti, che attendevano un risultato di 592 milioni, ma anche della stessa società che aveva comunicato una guidance da 580 milioni. La strategia dei prossimi mesi, secondo il Ceo Andrew Mason, potrebbe essere quella di migrare dalla vendita per coupon all'e-commerce diretto. Covidien (NYSE: COV - notizie) , la casa statunitense specializzata in attrezzature mediche, ha annunciato che nel quarto trimestre l’utile è salito a 461 milioni di dollari, 10 in più rispetto ad un anno fa. Il risultato per azione in versione adjusted si è attestato a 1,02 dollari, 2 centesimi in più rispetto alle attese. Meglio del previsto anche il fatturato, sceso da 3,08 a 3 miliardi di dollari (consenso 2,98 mld). Infine, Walt Disney ha chiuso il quarto trimestre dell'esercizio fiscale con un utile netto per azione (Eps) di 0,68 dollari per azione, in aumento rispetto agli 0,58 dollari dell'anno prima e in linea con le attese degli analisti. Hanno invece deluso i ricavi, che sono cresciuti del 3% a 10,8 miliardi di dollari, contro i 10,9 miliardi stimati dal mercato. Dopo la chiusura del mercato a New York, l'azione Walt Disney ha mostrato un calo del 2,6%.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.613,30 0,37% 17 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.155,81 0,53% 17 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.625,25 0,62% 17 apr 17:35 CEST
Dax 9.409,71 0,99% 17 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.408,54 0,10% 17 apr 22:31 CEST
Nikkei 225 14.516,27 0,68% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati