Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.119,20
    +504,20 (+2,33%)
     
  • Dow Jones

    31.500,68
    +823,32 (+2,68%)
     
  • Nasdaq

    11.607,62
    +375,43 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    26.491,97
    +320,72 (+1,23%)
     
  • Petrolio

    107,06
    +2,79 (+2,68%)
     
  • BTC-EUR

    20.031,62
    -166,98 (-0,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    462,12
    +8,22 (+1,81%)
     
  • Oro

    1.828,10
    -1,70 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,0559
    +0,0034 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    3.911,74
    +116,01 (+3,06%)
     
  • HANG SENG

    21.719,06
    +445,19 (+2,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.533,17
    +96,88 (+2,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8603
    +0,0025 (+0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0112
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,3602
    -0,0072 (-0,53%)
     

Assange, in centinaia a Londra contro estradizione

(Adnkronos) - Centinaia di persone si sono radunate davanti al ministero dell'Interno britannico per protestare contro la paventata estradizione del fondatore di WikiLeaks Julian Assange negli Stati Uniti, denunciandola come politicamente motivata e come una grave minaccia alla libertà di stampa. Il caso è nelle mani del ministro dell'Interno britannico Priti Patel, che deve ancora firmare l'ordine emesso dal giudice Paul Goldspring della Westminster Magistrates Court.

Il team legale di Assange, ha riferito Stella Assange, ha presentato una dichiarazione a Patel per bloccare l'estradizione negli Stati Uniti, dove Assange è ricercato con l'accusa di aver divulgato informazioni sensibili per la difesa nazionale in seguito alla pubblicazione da parte di WikiLeaks di centinaia di migliaia di documenti militari relativi alle guerre in Afghanistan e in Iraq. "Questo caso illustra la fragilità della libertà dei media", ha detto a Xinhua Kristinn Hrafnsson, caporedattore di WikiLeaks, assicurando che la sua squadra continuerà a combattere anche se Patel firmerà l'estradizione percorrendo altre vie legali e non escludendo di portare il caso davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli