Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.364,50
    +99,13 (+0,29%)
     
  • Nasdaq

    13.855,13
    +86,21 (+0,63%)
     
  • Nikkei 225

    27.588,37
    +66,11 (+0,24%)
     
  • EUR/USD

    1,1325
    -0,0030 (-0,26%)
     
  • BTC-EUR

    32.652,94
    +1.293,13 (+4,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    841,17
    +30,57 (+3,77%)
     
  • HANG SENG

    24.656,46
    -309,09 (-1,24%)
     
  • S&P 500

    4.410,13
    +12,19 (+0,28%)
     

Assessore al Turismo Bini: "In Friuli ripartiamo con prudenza ma anche con fiducia"

·3 minuto per la lettura

“Dopo un anno di chiusura totale a causa del Covid, finalmente si riparte, con prudenza e attenzione, ma anche con fiducia. Arriviamo da un’estate che ci ha regalato grandi soddisfazioni, con una stagione record che ha visto molti turisti stranieri soprattutto da Austria e Germania, senza contare l’ingente investimento portato avanti sulla montagna”. Mostra ottimismo, Sergio Emidio Bini, assessore alle Attività produttive e turismo del Friuli Venezia Giulia, parlando con l’Adnkronos nel giorno dell’apertura della stagione invernale 2021-2022: “La nostra è una regione piccola, in grado di offrire a distanze molto ridotte una varietà unica tra natura, spazi aperti, località sciistiche, mare, montagna, borghi e cultura, città, senza dimenticare naturalmente l’enogastronomia. Martedì abbiamo presentato la stagione invernale assieme al presidente della Regione Massimiliano Fedriga, una stagione che riparte oggi con l’apertura di alcuni impianti, l’inaugurazione, di una nuova seggiovia sul monte Zoncolan dedicata al Giro d’Italia e l’apertura di gran parte del resto del demanio sciabile l’8. Ci auguriamo che, con la collaborazione e un grande senso di responsabilità da parte di tutti nel rispettare con scrupolo le indicazioni anti-Covid, si possa proseguire senza interruzioni”.

Il Friuli Venezia Giulia è stata la prima regione a entrare in zona gialla, tuttavia, dice Bini, “le indicazioni ci consentono di mantenere gli impianti aperti anche nel caso di passaggio in zona arancione se in possesso di ‘Super Green Pass’, dunque rilasciato solo con la vaccinazione o dopo la guarigione da Covid-19. Speriamo di non doverci trovare a gestire chiusure derivanti dalla zona rossa, in quel caso ci adegueremo a nuove eventuali prescrizioni. Il nuovo certificato verde è uno strumento fondamentale. Lo scorso anno l’emergenza sanitaria ha fatto sì che non aprissimo nemmeno gli impianti, se non a rotazione e unicamente per allenamenti e gare degli atleti, con ricadute drammatiche per l’intero comparto, non solo della montagna. Senza il vaccino, l’alternativa era rimanere chiusi e per uscire da questa situazione è fondamentale prendere parte alla campagna vaccinale”.

Tornando al turismo e all’apertura della stagione invernale, l’assessore afferma che, se da una parte saranno le singole strutture ricettive a decidere se rimborsare i loro ospiti in caso di nuove chiusure, “per quanto riguarda gli skipass abbiamo previsto una formula di rimborso integrale nel caso in cui la chiusura dovesse essere totale per l’intera stagione invernale. Qualora l’apertura di impianti e piste, anche parziale, non dovesse superare i 30 giorni nell’arco della stagione invernale e lo sciatore avesse sciato meno di 12 giorni, il rimborso sarà effettuato in proporzione alla differenza tra il numero di giorni in cui lo skipass sia stato effettivamente utilizzato e il numero medio di giorni di utilizzo. Nel caso di rimborso verrà emesso un voucher, pari al valore delle giornate non utilizzate, usufruibile l'inverno successivo (2022-2023)”.

La nuova stagione sciistica nasce dall’aver fatto di necessità virtù, sottolinea Bini: “Lo scorso anno abbiamo approfittato del periodo di chiusura per avviare sistemazioni, manutenzioni, migliorie e ampliamenti al demanio sciabile così da offrire agli amanti della montagna piste, tracciati e servizi sempre migliori. Abbiamo mantenuto i prezzi degli skipass invariati rispetto alla precedente stagione, proponendo anche una tariffa ridotta nei poli “minori” di Sella Nevea e Forni di Sopra proprio per incentivare il turismo anche in queste località e promozioni tra acquisto di skipass e terme. Grazie alla collaborazione con i consorzi - annuncia - riusciremo a proporre sulle nostre montagne più di 1000 appuntamenti da metà dicembre, con 6 calendari definitivi e 2 work in progress, e ancora ciaspolate, yoga, astrotrekking, laboratori artigianali, forest bathing tante attività per vivere la montagna del Friuli Venezia Giulia”.

di Cristiano Camera

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli