Italia markets open in 8 hours 25 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.663,50
    +697,49 (+2,41%)
     
  • EUR/USD

    1,2054
    -0,0034 (-0,28%)
     
  • BTC-EUR

    41.161,73
    +3.290,52 (+8,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,63
    +54,40 (+5,86%)
     
  • HANG SENG

    29.452,57
    +472,36 (+1,63%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Assessore Lombardia: a bar e ristoranti danni da 30 miliardi

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 31 gen. (askanews) - L'assessore regionale della Lombardia all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi è intervenuto in merito al differimento a domani, lunedì, della 'zona gialla' in Lombardia: "A causa della chiusura forzata di bar e ristoranti - ha sottolineato - la filiera agroalimentare italiana ha perso circa 30 miliardi di euro nel 2020. La Lombardia è la prima regione agricola d'Italia e anche la prima per numero di bar, ristoranti e pizzerie. Per questo il passaggio da fascia arancione a fascia gialla nella giornata di lunedì è incomprensibile. Il governo ha deciso di togliere una domenica d'ossigeno a oltre 50.000 attività che possono garantire tutte le misure di sicurezza necessarie e che rappresentano uno sfogo commerciale essenziale per tutta la filiera agroalimentare, un comparto che vale il 15% del Pil nazionale".

"I recenti dati Istat - ha aggiunto Rolfi - hanno confermato come la Lombardia sia leader nazionale per valore della produzione agricola, con 7,7 miliardi di euro su 57 miliardi in Italia, e per valore della trasformazione con 3,6 miliardi di euro sui 31 italiani. Abbiamo 44.688 aziende agricole che non hanno mai smesso di produrre e che hanno sofferto della chiusura di bar e ristoranti. Alcune filiere, penso a quella suinicola e del lattiero caseario, ne stanno risentendo in maniera particolare".

"Da domani la Lombardia tornerà in zona gialla - ha concluso l'assessore - faccio un appello affinché, rispettando tutte le misure di sicurezza e nelle proprie disponibilità economiche, i lombardi aiutino baristi e ristoratori a ripartire per rimettere in moto uno dei più importanti comparti dell'economia lombarda e nazionale" .