Italia Markets closed

Assicurazioni, Ania: facciamo la nostra parte sull'educazione

Voz

Roma, 9 ott. (askanews) - A fronte di un'Italia in ritardo sull'alfabetizzazione finanziaria, le società del settore delle assicurazioni sono "pronte a fare la loro parte, mettendo a disposizione il loro know how, la professionalità, per implementare iniziative indirizzate alla generalità della popolazione, ai giovani, ai soggetti più vulnerabili". Lo ha affermato il direttore generale dell'Ania, Dario Focarelli, nel suo intervento alla giornata dell'educazione assicurativa organizzata a Roma dall'associazione

"Siamo infatti convinti - ha proseguito - che una maggiore diffusione di conoscenze e competenze finanziare e assicurative sia un requisito indispensabile per una cittadinanza economica consapevole, così come un efficace strumento di tutela del consumatore/investitore".

Una questione "estremamente rilevante", ha messo in rilievo Focarelli, visto che la ricchezza finanziaria delle famiglie italiane è pari a 4.200 miliardi e che il 20% dei risparmiatori afferma di non avere familiarità con i prodotti finanziari.

"L'alfabetizzazione finanziaria è diventata sempre più importante soprattutto alla luce degli enormi mutamenti , economici, sociali, demografici e tecnologici, che stanno avvenendo in tutto il mondo e che hanno profonde ripercussioni sulle piccole e grandi decisioni che ciascuno di noi è chiamato a compiere nel corso della vita", ha spiegato il direttore generale dell'Ania.