Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.258,61
    -36,15 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.021,81
    +124,47 (+0,84%)
     
  • Nikkei 225

    29.025,46
    +474,56 (+1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1613
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • BTC-EUR

    52.844,95
    +1.311,19 (+2,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.434,60
    -17,04 (-1,17%)
     
  • HANG SENG

    25.409,75
    +78,75 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    4.486,46
    +15,09 (+0,34%)
     

Assolatte: in 2021 produzione casearia +6% e export +12%

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 set. (askanews) - Nel 2021 cresce la produzione di latte e formaggi e decolla l'export, mentre i consumi interni stanno tornando ai livelli pre-Covid. E' quanto emerso dalla assemblea di Assolatte che si è svolta oggi a Milano.

La produzione di latte, infatti, continua la sua marcia. Il tasso di crescita delle consegne (+3,2%) è di gran lunga superiore a quello medio europeo ed è il più alto tra i grandi produttori di latte. Aumenta la produzione casearia (+6,0%), con la mozzarella e alcune DOP che continuano a fare da traino. Mentre gli acquisti domestici grazie alle progressive riaperture, stanno tornando ai livelli pre-covid (-9% il secondo trimestre dell'anno in corso).

L'export invece decolla. Grazie all'azzeramento dei dazi aggiuntivi trumpiani e alle minori restrizioni anti-covid, i formaggi italiani hanno ripreso la loro corsa: il dato relativo alle vendite all'estero dei nostri formaggi nel primo semestre 2021 evidenzia, infatti, un interessante +12%, con risultati positivi per tutte le categorie di prodotto. In particolare, ottime le performance registrate da Francia (+13,8%), Belgio (+20,8%) e Paesi Bassi (+15,6%). Al di fuori degli scambi con l'UE, si consolida la ripresa negli Stati Uniti: le esportazioni sul suolo americano hanno messo a segno un incoraggiante +27,3%.

Il settore dà lavoro a 100.000 addetti, realizza 16,2 miliardi di giro d'affari e acquista tutto il latte disponibile in Italia. Ad Assolatte aderiscono 250 imprese che rappresentano il 90% del fatturato del settore.

Nel 2020 le imprese italiane hanno prodotto 2,2 miliardi di litri di latte confezionato, 267 milioni di kg di yogurt, 159 milioni di kg di burro e 1,1 miliardi di kg di formaggi, di cui il 50% Dop. Leader della produzione di formaggi, con il 29% sul totale, si conferma nuovamente la mozzarella, seguita da Grana Padano (18%), Parmigiano Reggiano (14%), Gorgonzola e mozzarella di bufala campana, entrambe con il 5%, crescenza (4%) e provolone (2%).

Tutte in positivo, spiega Assolatte, anche le principali DOP italiane. Il Grana Padano si è riconfermato il formaggio DOP leader per produzioni, con il 35% dei volumi complessivi del settore. Seguono il Parmigiano Reggiano con il 28%, il Gorgonzola con l'11%, la Mozzarella di Bufala Campana con il 9%, il Pecorino Romano con il 5%, l'Asiago con il 4% e il Taleggio con il 2%. Nonostante la paralisi mondiale da Covid-19, nel 2020 l'export dei nostri formaggi ha retto l'onda d'urto: i volumi sono aumentati dell'1%, arrivando a 463mila tonnellate, pur sacrificando parte del valore (3,1 miliardi di euro, in calo di quasi il 3%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli