Italia markets open in 6 hours 5 minutes
  • Dow Jones

    35.677,02
    +73,92 (+0,21%)
     
  • Nasdaq

    15.090,20
    -125,50 (-0,82%)
     
  • Nikkei 225

    28.586,92
    -217,93 (-0,76%)
     
  • EUR/USD

    1,1651
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    52.753,86
    -111,27 (-0,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.453,34
    -49,70 (-3,31%)
     
  • HANG SENG

    26.126,93
    +109,43 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    4.544,90
    -4,88 (-0,11%)
     

Assolatte: 4 anni da Ceta, export formaggi italiani in Canada +35%

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 20 set. (askanews) - Esattamente il 21 settembre 2017 entrava in vigore Ceta, il Comprehensive Economic and Trade Agreement tra l'Unione Europea e il Canada. È stato il primo accordo commerciale stipulato dall'UE con un altro Paese del G7, e ha avuto da subito una portata molto ambiziosa.

I dati parlano chiaro, spiega Assolatte: nel 2020 l'export di formaggi italiani ha sfiorato le 7mila tonnellate, con un aumento del 35% sul 2017, anno in cui l'accordo è diventato operativo. Una significativa progressione che ha riguardato pressoché tutte le categorie di formaggi, a cominciare dalla Mozzarella, cresciuta di 9 volte, e dal provolone (con un exploit del 232%). Incrementi considerevoli anche per grattugiati (37%), Asiago (28%), Grana Padano e Parmigiano Reggiano (27%), altri formaggi freschi (27%), Gorgonzola (25%) e Pecorino (11%).

Stime Assolatte suggeriscono un nuovo primato anche nel 2021, visto che dell'export dei formaggi italiani in Canada sta registrando un tasso di crescita del 5%.

Ceta ha previsto infatti la più estesa liberalizzazione tariffaria nella storia dei negoziati commerciali dell'UE, disposizioni vincolanti sul mantenimento di elevati standard ambientali e sociali, la liberalizzazione di importanti settori dell'economia, nonché l'abbattimento delle barriere non tariffarie e la tutela della proprietà intellettuale.

"Il vantaggio più evidente per consumatori e imprese è arrivato dall'abbattimento dei dazi - precisa Paolo Zanetti, presidente di Assolatte - In particolare, già con l'entrata in vigore venivano liberalizzate il 90% (Canada) e il 92,2% (Unione Europea) delle linee tariffarie sui prodotti agricoli e agroalimentari."

Il Ceta ha riservato ai formaggi UE un contingente export che ha previsto l'ingresso in Canada, a dazio zero, di ulteriori 17.700 tonnellate annue, di cui 16.000 indirizzate ai formaggi di qualità. "Complessivamente, rispetto al pre-CETA i quantitativi UE ammessi a condizioni agevolate sono più che raddoppiati, raggiungendo 31.900 tonnellate - sottolinea Zanetti - e le imprese italiane hanno saputo cogliere appieno questa opportunità".

"Ci sono altri due elementi fondamentali dell'accordo CETA da sottolineare - ricorda il presidente di Assolatte - il primo è la lotta all'italian sounding, il secondo è il riconoscimento e la tutela delle principali denominazioni DOP e IGP europee, dove i formaggi italiani fanno la parte del leone. Un aspetto di non poco conto, essendo il Canada tradizionalmente estraneo a questo sistema di valorizzazione dell'origine".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli