Italia markets open in 5 hours 52 minutes
  • Dow Jones

    31.253,13
    -236,94 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    11.388,50
    -29,66 (-0,26%)
     
  • Nikkei 225

    26.532,02
    +129,18 (+0,49%)
     
  • EUR/USD

    1,0576
    -0,0011 (-0,11%)
     
  • BTC-EUR

    28.507,41
    +938,97 (+3,41%)
     
  • CMC Crypto 200

    670,62
    +18,39 (+2,82%)
     
  • HANG SENG

    20.120,68
    -523,60 (-2,54%)
     
  • S&P 500

    3.900,79
    -22,89 (-0,58%)
     

Assolavoro, a rischio 100mila assunti a tempo indeterminato dalle agenzie

·1 minuto per la lettura

"Occorre intervenire per eliminare un emendamento sbagliato, frutto di un approccio tutto ideologico e completamente scollegato dalla realtà, che mette a rischio oltre 100mila lavoratori assunti a tempo indeterminato dalle agenzie per il lavoro". Così Agostino Di Maio, direttore generale di Assolavoro, l’Associazione nazionale delle agenzie per il lavoro che rappresenta oltre l’85% del settore, intervenuto stamattina al tavolo convocato presso il ministero del Lavoro, assieme ai parlamentari delle commissioni Lavoro della Camera e del Senato e alle rappresentanze sociali per evitare il rischio licenziamento in capo a oltre 100mila lavoratori in somministrazione assunti a tempo indeterminato dalle Agenzie per il Lavoro.

Un emendamento al Dl Fiscale, infatti, introduce il limite di 24 mesi di lavoro presso l’azienda utilizzatrice anche per gli assunti a tempo indeterminato da parte delle agenzie, a partire dal prossimo mese di settembre.

Sindacati dei lavoratori e Assolavoro hanno evidenziato il paradosso determinato dall’emendamento, chiedendo che a seguito del tavolo siano prese decisioni conseguenti.

“Questo emendamento - sostiene - non c’entra nulla con il cosiddetto Decreto Dignità. Quest’ultimo, con i vincoli aggiunti ai contratti di lavoro dipendente a tempo determinato, per via diretta o in somministrazione, ha determinato due effetti. Da una parte ha accelerato la stabilizzazione dei lavoratori con più elevate professionalità, dall’altra ha aumentato il turn over per i più deboli. Ora questo emendamento, se non intervengono correttivi, determinerà un elevato turn over anche per i lavoratori in somministrazione assunti a tempo indeterminato. Un assurdo. Non si può urlare contro la precarietà e poi favorirla con norme scellerate. Confidiamo in rapidi correttivi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli