Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,35 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,29 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    87,98
    -4,11 (-4,46%)
     
  • BTC-EUR

    23.711,58
    -714,81 (-2,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    573,62
    +2,34 (+0,41%)
     
  • Oro

    1.791,70
    -23,80 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0195
    -0,0063 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.780,91
    +4,10 (+0,11%)
     
  • EUR/GBP

    0,8449
    -0,0008 (-0,09%)
     
  • EUR/CHF

    0,9643
    -0,0012 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,3150
    +0,0049 (+0,37%)
     

Assomacellai: crollo vendite, -15% per carne suina rispetto estate 2021

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 lug. (askanews) - Arrivano fino al 15%, per la carne suina, i cali delle vendite nei mesi estivi. A denunciare il "crollo anomalo" Luigi Frascà, presidente Assomacellai Confesercenti che in una nota dice: "Sappiamo che l'estate non è il periodo migliore per il consumo di carne, ma non ci aspettavamo un calo così consistente come quello attuale. Stiamo assistendo infatti, rispetto ai valori dello stesso periodo del 2021, a riduzioni di vendite intorno al 15% per la carne suina, all'8% per la bovina e al 4% per le carni bianche".

"I maggiori prodotti venduti nelle macellerie sono quelli tipici dell'estate come carni crude (battuta, tartare, albese) e petto di pollo. In calo, in particolare, quelli da cuocere arrosto, visto il caldo rovente di questa estate", spiega. Più resilienti sono le macellerie che producono cibo da asporto, dove la riduzione delle vendite risulta minore rispetto alle classiche macellerie, in quanto commercializzano prodotti già pronti per il consumo, più pratici in estate. Anche in questi esercizi, comunque, si rilevano riduzioni di vendita di prodotti dal costo elevato. "L'incertezza economica - spiega Frascà - fa prediligere tagli meno pregiati e questo non aiuta un settore che viene da anni e anni di crisi".

"Il calo delle vendite - conclude il presidente Assomacellai Confesercenti - e il continuo aumento dei costi di materie prime e servizi stanno strangolando i nostri esercenti che si trovano a fare i conti con margini sempre più bassi. Di questo passo, se non si interverrà al più presto con degli aiuti specifici, il settore rischia di perdere imprese e occupati".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli