Italia markets open in 4 hours 7 minutes
  • Dow Jones

    35.754,75
    +35,32 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.786,99
    +100,07 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    28.840,63
    -19,99 (-0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,1335
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • BTC-EUR

    43.781,51
    -778,20 (-1,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.298,42
    -6,70 (-0,51%)
     
  • HANG SENG

    24.254,53
    +257,66 (+1,07%)
     
  • S&P 500

    4.701,21
    +14,46 (+0,31%)
     

Assosementi: per settore un miliardo di euro di fatturato annuo

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 nov. (askanews) - Un miliardo di euro di fatturato annuo, 208mila ettari di superfici destinate alla produzione delle sementi ufficialmente certificate nel 2020 e 33mila ettari destinati alle sementi orticole, 19mila agricoltori coinvolti a livello nazionale nella moltiplicazione. Sono i numeri del settore sementiero italiano, resi noti oggi nel corso del convegno "Assosementi: 100 anni di innovazione per un futuro sostenibile" con cui l'associazione che rappresenta le aziende sementiere italiane ha celebrato a Bologna il suo centenario.

Ad aprire i lavori sono stati i messaggi del ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Stefano Patuanelli, del presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. "Il settore agroalimentare - ha detto Patuanelli - è protagonista e artefice di un cambiamento che investe l'intero tessuto produttivo italiano. Di fronte a questo scenario il contributo del comparto sementiero, quale primo anello della filiera produttiva agricola, è decisivo".

"Si tratta - ha aggiunto il ministro - di un settore costantemente proteso in avanti, grazie a un'incessante attività di ricerca e innovazione: un'azione volta a valorizzare le varietà del passato e a svilupparne di nuove, anche grazie all'uso delle moderne tecnologie, nell'ottica di un progressivo miglioramento delle potenzialità produttive e delle capacità di difesa delle piante nei confronti delle avversità biotiche e abiotiche. È importante a tal proposito, che sia garantito, sia a livello europeo che nazionale, un quadro normativo aggiornato e più specifico, che tenga conto del progresso tecnologico registrato negli ultimi anni".

A esempio, nel campo delle NGts, come sottolineato dal Coordinatore S&D Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale Paolo De Castro, "ci auguriamo che la Commissione Europea possa elaborare al più presto una nuova regolamentazione che distingua nettamente tra transgenesi e mutagenesi. L'innovazione in campo sementiero deve essere resa fluida, per dare vita a nuove varietà che siano davvero capaci di combattere le malattie delle piante per via genetica e non chimica. I nostri agricoltori devono essere competitivi e noi abbiamo il compito di aiutarli. Le NGTs rappresentano una grande e straordinaria opportunità che l'Europa non deve lasciarsi scappare".

"La filiera agricola rappresenta da sempre la spina dorsale dell'economia emiliano-romagnola e continueremo a sostenerla. L'Emilia-Romagna è stata la prima regione italiana a ricevere il via libera della UE al Programma di Sviluppo Rurale per il 2021-22: oltre 400 milioni di euro - ha evidenziato Bonaccini - il 35% in più rispetto al passato, saranno dedicati alle imprese, all'innovazione, ai giovani e alla buona occupazione. Ci sono tutte le premesse perché questi anni rappresentino una svolta decisiva e sono certo che dalla vostra associazione giungerà un contributo importante, come è sempre stato".

Giuseppe Carli, presidente di Assosementi, ha ricordato che "le rese del mais sono passate dai 13 quintali per ettaro del 1921 ai 130 quintali di oggi. Questi grandi risultati ottenuti sono frutto della capacità di innovazione delle nostre aziende ed è questo il punto di partenza per il futuro: tra trent'anni saremo 10 miliardi sul pianeta e l'agricoltura sarà chiamata a produrre di più, senza aumentare le superfici e al tempo stesso riducendo gli input naturali e chimici. Il settore sementiero è pronto a garantire risposte concrete per affrontare e vincere queste sfide".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli