Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    51.245,40
    -769,50 (-1,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Atlantia accelera a Piazza Affari dopo l'interesse degli spagnoli di ACS (analisti)

Alessandra Caparello
·1 minuto per la lettura

In salita a Piazza Affari il titolo Atlantia che al momento segna +1,18% a 15,90 euro. Il CEO di ACS Perez ha sottolineato durante un incontro con gli analisti di stare analizzando ASPI con l’obiettivo di creare un grande gruppo delle infrastrutture europeo. Un’eventuale operazione su ASPI avverrebbe, comunque, in accordo con il governo italiano sottolinea Equita. Il gruppo spagnolo incasserà 5 miliardi dalla cessione di assets a Vinci entro fine anno. Secondo Repubblica però non ci sarebbero state trattative con Atlantia. Il Sole sottolinea che il cda di domani dovrebbe prendere atto delle valutazioni degli advisors riguardo all’offerta di CDP e rinviare ogni decisione a settimana prossima, che convocherà un’assemblea per l’approvazione dell’offerta. Entro tale data pare improbabile che arrivi una contro offerta di ACS, anche se l’ipotesi di un possibile piano industriale alternativo all’offerta di CDP potrebbe essere un ostacolo al via libera dell’assemblea. Secondo il Sole, la negoziazione con ACS si avvierebbe solo in un secondo momento e ruoterebbe attorno alla fusione ASPI-Abertis. L’interesse di ACS per un’operazione con ASPI era già stato espresso un mese fa, quando ancora esisteva la procedura di `dual track` (spin-off o vendita dell`intera quota dell`88%) e confermato nuovamente ora, sottolineando però che qualsiasi movimento sarebbe in accordo col governo italiano. Senza una proposta alternativa, concludono gli esperti della Sim milanese, sembra probabile che il cda una volta analizzata l’offerta di CDP, convochi un’assemblea per lasciare decidere i soci sull’offerta. Rimarrebbe il tema se si tratti di un’assemblea ordinaria o a straordinaria.