Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    15.134,53
    +282,96 (+1,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,27
    -4,23 (-1,25%)
     
  • Oro

    1.788,10
    -23,10 (-1,28%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    +0,0057 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8984
    +0,0068 (+0,77%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,5539
    +0,0038 (+0,24%)
     

Atlantia: un certificato con barriera profonda e discreta

Gabriele Bellelli

Negli ultimi giorni è riaffiorato sui mezzi di comunicazione il tema del rinnovo della concessione autostradale ad Atlantia.

Alcuni lettori mi hanno scritto chiedendomi di consigliare un certificato con sottostante il titolo Atlantia in modo da poter investire su questo sottostante a fronte della protezione offerta dalla barriera.

I miei criteri di selezione hanno permesso di individuare il certificato a “capitale condizionatamente protetto”, emesso da Unicredit con sottostante Atlantia, che si caratterizza per essere della famiglia del “Top Bonus”.

Mi riferisco al certificato Top bonus Atlantia con codice isin DE000HV4EFD2.

Le caratteristiche di questo certificato sono:

  • tipologia: capitale condizionatamente protetto

  • nome commerciale: Top bonus

  • emittente: Unicredit

  • sottostante: Atlantia

  • scadenza:17 dicembre 2021

  • barriera discreta (attiva solo a scadenza)

  • barriera posta a 8,58 euro (si tratta della barriera più profonda tra i certificati a barriera “discreta attualmente quotati)

  • distanza dalla barriera: 45% (per verificarsi l'evento barriera il sottostante deve deprezzarsi del 45%)

  • bonus: 114

Ipotizzando un acquisto alle quotazioni attuali, a scadenza un investitore si troverebbe davanti a due scenari: il prezzo del sottostante (Atlantia) è uguale o superiore alla barriera di 8,58 euro:

  • in questo caso il certificato mantiene la protezione del capitale e il certificato rimborsa 114. Ipotizzando un acquisto in area 108, il rendimento annualizzato ammonterebbe intorno al 3,57%. In questo caso quindi, si otterrebbe un rendimento positivo anche nel caso di un ribasso del sottostante del 40-44%, e quindi entro la barriera di 8,58 euro;

  • il prezzo del sottostante (Atlantia) è inferiore alla barriera di 8,58 euro: in questo caso il certificato perde la protezione e il prezzo di rimborso è calcolato attraverso la formula (prezzo finale Atlantia / Strike) * 100.

L’esempio si riferisce ad una simulazione basata sull’acquisto alle quotazioni attuali ma in realtà è possibile (se non consigliabile) aspettare una fase di debolezza, prima di valutare un acquisto.

Dal momento che i certificati sono uno strumento duttile, è possibile valutare anche un ingresso frazionato sul certificato.

Autore: Gabriele Bellelli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online