Italia markets open in 4 hours 20 minutes
  • Dow Jones

    33.821,30
    -256,33 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    13.786,27
    -128,50 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.457,86
    -642,52 (-2,21%)
     
  • EUR/USD

    1,2035
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    46.718,94
    +797,01 (+1,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.286,76
    +52,35 (+4,24%)
     
  • HANG SENG

    28.511,58
    -624,15 (-2,14%)
     
  • S&P 500

    4.134,94
    -28,32 (-0,68%)
     

Atlantia: offerta di CDP necessita dell'ok dell'assemblea in programma entro la prima metà di maggio (analisti)

Alessandra Caparello
·1 minuto per la lettura

Il titolo Atlantia sale a Piazza Affari segnando un +1,28% a 16,24 euro. L’assemblea straordinaria ha bloccato la proroga del progetto di scissione. All’assemblea era presente il 72% del capitale ed il voto contrario di Edizione (30.2%) e Fondazione CRT (4.85%) ha raggiunto il 48% del totale dei voti. I voti favorevoli sono stati il 52%, inferiore al 67% della maggioranza qualificata necessaria per l`assemblea straordinaria. Il Sole sottolinea che CDP starebbe lavorando alla propria offerta ed un CDA è stato convocato per domani. Come già anticipato dalla stampa, ricorda Equita, l’offerta prevederebbe una valorizzazione di 9.1 bn per il 100% di ASPI, garanzie ridotte a 500 mn e la possibilità di riconoscere ad Atlantia gli eventuali ristori per il covid-19 che il governo riconoscerà ad ASPI (stimati in 400 mn). L’offerta di CDP dovrà poi superare il voto dell’assemblea dei soci, considerando che la stessa Edizione ha espresso l`auspicio che l’eventuale offerta arrivi in assemblea. L’assemblea, continuano dalla Sim milanese, dovrebbe essere chiamata nei primi 15 giorni di maggio e secondo la Stampa i legali di Atlantia società stanno cercando di capire se per approvare la cessione di ASPI sarà necessaria l’assemblea ordinaria o sia necessaria un’assemblea straordinaria. Nel primo caso sarebbe necessaria la maggioranza del 50% dei presenti per approvare l’offerta di CDP, nel secondo il 67%, rendendo più difficile quindi l’approvazione dell’offerta.