Italia markets close in 3 hours 40 minutes
  • FTSE MIB

    19.122,23
    +36,28 (+0,19%)
     
  • Dow Jones

    28.210,82
    -97,97 (-0,35%)
     
  • Nasdaq

    11.484,69
    -31,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    23.474,27
    -165,19 (-0,70%)
     
  • Petrolio

    40,39
    +0,36 (+0,90%)
     
  • BTC-EUR

    10.961,78
    +1.632,37 (+17,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    260,96
    +16,07 (+6,56%)
     
  • Oro

    1.916,90
    -12,60 (-0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,1823
    -0,0043 (-0,37%)
     
  • S&P 500

    3.435,56
    -7,56 (-0,22%)
     
  • HANG SENG

    24.786,13
    +31,71 (+0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.178,73
    -1,97 (-0,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,9023
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,0726
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,5552
    -0,0028 (-0,18%)
     

Atlantia, Tomasi (Autostrade): 'Disposti a firmare se governo cancella Articolo 10'

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Firmare subito l'atto transattivo, a condizione che il governo cancelli l'articolo 10 dell'accordo transattivo: quello secondo cui l'efficacia dell'accordo e la chiusura della procedura di revoca diventano effettive solo con il passaggio del controllo di Autostrade a Cassa depositi e prestiti. Così l'amministratore delegato Roberto Tomasi in un'intervista a Il Messaggero pubblicata nel fine settimana. "Il Governo ha visto soddisfatte le richieste su nuove tariffe, investimenti, importi compensativi e convenzione. Siamo disponibili a firmare subito l'atto transattivo, a patto che riguardi la sola concessione. La revoca o qualunque altro provvedimento sarebbero ingiustificati e un grave danno per il Paese". Tomasi ha continuato: "Dovrebbe essere interesse di tutte le parti individuare senza forzature un percorso trasparente e basato su procedure di mercato per portare a compimento la modifica dell'assetto azionario di Aspi, rispetto al quale Atlantia si è impegnata avviando il processo di dual track e convocando la propria assemblea". La revoca della concessione, ha avvertito Tomasi, sarebbe un "provvedimento ingiustificato e un grave danno per il Paese".